Il Terzo Stormo festeggia la Madonna di Loreto

Il vescovo di Verona ha celebrato la patrona degli aviatori nel Duomo di Villafranca.

Il Terzo Stormo festeggia la Madonna di Loreto
Villafranca, 10 Dicembre 2018 ore 17:56

In occasione della Festa della Madonna di Loreto, santa patrona degli aviatori, è stata celebrata oggi, lunedì 10 dicembre, la messa nel Duomo di Villafranca, cui ha preso parte il Terzo Stormo dell’Aeronautica Militare.

Il Terzo Stormo festeggia la Madonna di Loreto

Durante la celebrazione eucaristica, che ha avuto inizio alle 10.30 il vescovo di Verona, S.E.R. Giuseppe Zenti, ha ringraziato la forza armata per il generoso e spesso silente lavoro svolto quotidianamente, così come il sindaco di Villafranca, Roberto Dall’Oca, ha rimarcato come la comunità del 3° Stormo sia parte integrante del tessuto sociale villafranchese, e sia diventato nel tempo
stimolo per una crescita sia civica sia economica.

5 foto Sfoglia la gallery

Il dono consegnato dal colonnello De Simone al vescovo

Dopo aver ringraziato gli ospiti, le autorità intervenute ed il parroco del Duomo per l’ospitalità concessa alla comunità, il colonnello De Simone ha consegnato una speciale targa al vescovo, quale segno tangibile di gratitudine, sulla quale è stato inciso il testo della Preghiera dell’aviatore.
Numerose le autorità civili e militari che hanno aderito all’invito del comandante del 3° Stormo, tra queste, il prefetto ed il questore di Verona, i sindaci di Villafranca e Sommacampagna, alcuni rappresentanti dei Comuni contermini, i labari delle associazioni combattentistiche e d’arma ed i gonfaloni della città di Villafranca, nonché numerosi cittadini ed ex-appartenenti al reparto.

La patrona degli aviatori

Il 10 dicembre è un giorno particolarmente significativo per il personale in azzurro da quel lontano 24 marzo del 1920, data in cui Papa Benedetto XV proclamò la Beata Vergine Lauretana patrona di tutti gli aviatori, accogliendo i desideri dei piloti della Prima guerra mondiale che indicarono la Vergine quale patrona in virtù del riconoscimento, da parte della chiesa, del miracolo della traslazione della Santa Casa di Nazareth.