Impianti di illuminazione in arrivo nuovi Led a Legnago

Il canone annuale è inferiore risparmiando circa 70mila euro l’anno e migliorando il servizio.

Impianti di illuminazione in arrivo nuovi Led a Legnago
Legnago e bassa, 06 Settembre 2018 ore 14:33

Impianti di illuminazione in arrivo nuovi Led a Legnago

Impianti di illuminazione, arriva la svolta

Il Gruppo Agsm continua a crescere, a rafforzarsi e ad espandere in maniera significativa la sua presenza anche nella provincia veronese. Alleanze territoriali, partnership economiche e industriali, politiche aggregative nel segno dell’efficienza e della competitività. Questi i capisaldi che il gruppo di Lungadige Galtarossa ha messo in atto da circa un anno con l’arrivo della nuova governance guidata dal presidente Michele Croce. Agsm sbarca adesso anche a Legnago, esportando le sue tecnologie d’avanguardia e le sue professionalità. Proprio il 22 agosto scorso è infatti avvenuta la firma del contratto tra l’amministrazione legnaghese e AGSM Lighting, la società del gruppo Agsm Verona che gestisce l’illuminazione pubblica nella città scaligera ed in diversi Comuni della provincia.

Migliorare la qualità della vita dei cittadini

Michele Croce, il presidente Agsm Lightnig, durante la conferenza stampa tenuta oggi ha affermato: “Una sfida importante e impegnativa per il gruppo Agsm sia per l’ampiezza del territorio servito, sia per il numero degli abitanti, sia soprattutto per il considerevole numero di punti luce e di chilometri di linee interrate. Uno dei nostri obiettivi principali è sicuramente quello di migliorare la qualità della vita dei cittadini attraverso infrastrutture moderne ed efficienti. Esporteremo a Legnago il nuovo modello Agsm che sempre più sta facendo parlare di se anche su scala nazionale, portando la storia, la tradizione, le competenze ed il know-how che da sempre caratterizzano la nostra società. Gestiremo circa 6000 punti luci in tutta la città, ottimizzando, efficientando e razionalizzando i consumi energetici, evitandone inutili sprechi (la nuova gestione Agsm consentirà una riduzione del consumo del 70%). Proprio in quest’ottica provvederemo inoltre a dotare di sistemi di telecontrollo “punto-punto” circa 400 punti luce del centro storico, cercando così di valorizzarlo ed abbellirlo”.

La riduzione dell’inquinamento luminoso

Il sindaco, Clara Scapin ha reso noto che: “Questo progetto nasce dalle necessità di riqualificare l’illuminazione pubblica, di promuovere il
risparmio energetico, di ridurre l’inquinamento luminoso migliorando la qualità dell’illuminazione stessa e inoltre come una delle risposte per la sicurezza sul territorio tanto richiesta dai cittadini. Per fare questo importante intervento atteso dalla Città da anni, serviva un investimento consistente di oltre 2 milioni di euro, ma i Comuni per regole di contabilità e per il patto di stabilità non riescono a sostenere facilmente queste spese. Ecco quindi la collaborazione partenariato pubblico privato, che è un project financing, con AGSM, una azienda del veronese esperta nel settore ed affidabile. Con questa intesa l’amministrazione oltre ai vantaggi tecnici avrà anche dei risparmi economici, infatti pagherà un canone annuale, che è inferiore al costo che prima sosteneva per l’illuminazione degli oltre 6.000 punti luce, risparmiando circa 70.000 euro l’anno e migliorando notevolmente il servizio”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità