Cronaca
Bussolengo

Imputata violenta è agli arresti domiciliari, minaccia una testimone e finisce in carcere

La donna aveva inviato dei messaggi intimidatori e minacciosi ad una donna tossicodipendente che riforniva di stupefacente, in quanto questa aveva rivelato agli inquirenti le cessioni di tale sostanza.

Imputata violenta è agli arresti domiciliari, minaccia una testimone e finisce in carcere
Cronaca Villafranca, 30 Settembre 2021 ore 17:12

I Carabinieri della Stazione Bussolengo, nella tarda mattinata di ieri, hanno proceduto all’arresto di M.M.. una donna trentacinquenne di origini serbe, residente a Bussolengo dove si trovava già agli arresti domiciliari, in quanto destinataria di un provvedimento del G.I.P. di Brescia con il quale è stata disposta la sostituzione di tale misura con quella della custodia cautelare in carcere.

Imputata violenta è agli arresti domiciliari, minaccia una testimone

La donna, il 21 settembre scorso, all’indomani dell’udienza preliminare relativa alle sue vicende penali che la vedevano imputata dei reati di sequestro di persona, illecita detenzione e cessione di stupefacenti, lesioni aggravate, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento, durante la quale il suo legale aveva avanzato richiesta di patteggiamento, aveva inviato dei messaggi intimidatori e minacciosi ad una donna tossicodipendente che M.M. riforniva di stupefacente, in quanto questa aveva rivelato agli inquirenti le cessioni di tale sostanza.

A seguito di questo episodio, il G.I.P. del Tribunale di Brescia ha considerato non adeguate le attuali misure cautelari per l’imputata, atteso che quest’ultima è accusata di aver sequestrato e picchiato selvaggiamente anche un’altra donna alla quale aveva ceduto dello stupefacente, e che, quindi, il pericolo di reiterazione di delitti contro la persona fosse concreto. Per questo motivo ha ritenuto opportuno sostituire gli arresti domiciliari con la custodia cautelare in carcere.

I Carabinieri di Bussolengo hanno prelevato M.M. dalla sua abitazione e, dopo le formalità del caso, condotto la stessa presso il carcere di Verona Montorio a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.