Menu
Cerca
Verona

Iniziate le demolizioni all’ex Arsenale, Sboarina: “Restituiamo un luogo simbolo”

La tabella di marcia è ben definita, si procede su più livelli per completare la riqualificazione del compendio il prima possibile.

Iniziate le demolizioni all’ex Arsenale, Sboarina: “Restituiamo un luogo simbolo”
Cronaca Verona Città, 19 Gennaio 2021 ore 10:29

Tre colpi di ruspa e un grande boato. E’ così che, in pochi minuti, è stata demolita la prima costruzione non soggetta a vincolo architettonico all’ex arsenale, sgretolandosi in cocci di muro e polvere.

Avviato il cantiere

Lunedì 18 gennaio 2021 è stato il giorno dell’avvio del cantiere vero e proprio, quello che farà dell’arsenale uno spazio riqualificato, vivo e, soprattutto, di proprietà pubblica. Ora i lavori non si fermeranno più.

La tabella di marcia è ben definita, si procede su più livelli per completare la riqualificazione del compendio il prima possibile. Da una parte le demolizioni delle palazzine non vincolate, che lasceranno il posto al grande polmone verde che sorgerà sull’area; dall’altra il restauro e la messa in sicurezza delle coperture, che partiranno a breve dopo l’affidamento dei lavori alla ditta appaltatrice. Nel frattempo va avanti speditamente la parte progettuale, in particolare quella relativa alla Corte Ovest che sarà la prima ad essere restaurata. Qui, infatti, si trasferirà l’Accademia di Belle Arti, e proprio dalla scuola sono in arrivo i dettagli definitivi che andranno ad integrare e completare la proposta elaborata dallo studio di progettazione Politecnica, che ha vinto la gara per il primo lotto di recupero conservativo dell’arsenale.

Demolizioni

Sono partite lunedì 18 gennaio 2021 per concludersi in meno di un mese. Una tempistica dettata non tanto dal lavoro dei mezzi cingolati, che ci impiegheranno pochi giorni a buttare giù le cosiddette ‘case matte’, quanto dalla successiva selezione del materiale demolito, che dovrà essere stoccato e trasportato in discarica. Si tratta delle palazzine non storiche dell’arsenale, costruite in un secondo tempo e che, in accordo con la Soprintendenza, l’Amministrazione ha inteso non inserire nel recupero complessivo. Al loro posto, nella grande area centrale tra le Corti Est ed Ovest, sorgerà un polmone verde destinato a giardino pubblico aperto a tutti. La creazione del parco sarà affiancata dal recupero dei muri perimetrali.

Rifacimento tetti

A breve si saprà il nome della ditta che si aggiudicherà i lavori per il rifacimento dei tetti e il consolidamento statico della Corte Centrale e degli edifici laterali, quelli cioè per i quali l’intervento sulle coperture è indispensabile per mettere in sicurezza gli immobili e permettere l’esecuzione del lavori successivi. Sono i tetti più ammalorati, in certi punti addirittura mancanti o danneggiati da grosse infiltrazioni. Si vedranno quindi anche le impalcature, si parte da questi edifici ma l’obiettivo dell’amministrazione è sfruttare un importante ribasso sui costi di progettazione per inserire nel primo lotto di interventi il rifacimento di tutte le coperture dell’Arsenale e non solo di quelle più ammalorate delle Corti centrali, est ed ovest, programmate dall’inizio.

Corte Ovest

Come detto, sarà la prima ad essere riqualificata e ad entrare in funzione, con il trasferimento delle attività dell’Accademia di Belle Arti. Ciò per effetto dell’iter avviato dal Comune con il bando per la vendita di Palazzo Verità Montanari, attuale sede dell’Accademia, che fornirà le risorse necessarie a restaurare gli spazi della Corte Ovest e ad adeguarli alle esigenze di studenti e corpo docenti. Il valore di vendita di Palazzo Montanari è stimato in circa 10 milioni di euro.

Corte Est

Il progetto definitivo assegna a questa quota di compendio una destinazione a mercato alimentare coperto. Già studiati e definiti i dettagli tecnici relativi agli accessi, al carico/scarico delle merci, alla logistica per l’approvvigionamento. I progettisti si stanno confrontando con i proprietari del mercato coperto di Modena, le cui caratteristiche e finalità corrispondono a quelle pensate per la struttura veronese. La palazzina antistante diventerà uno spazio per eventi.

Palazzina di Comando

Per il cuore del compendio è stata privilegiata la destinazione culturale e museale, collegata direttamente con il Museo di Castelvecchio. Buona parte degli spazi saranno infatti a disposizione dei Musei civici e delle loro esigenze, di archivio ma anche di attività e laboratori.

Corte Centrale

Vi si concentreranno i servizi e le funzioni destinate ai giovani, spazi per gli anziani e le famiglie, luoghi per l’innovazione e la tecnologia, l’arte e la creatività, la sostenibilità e l’ambiente.

L’iter dal 2017 ad oggi

La data di inizio del processo di riqualificazione dell’ex arsenale è il 30 settembre 2017, con la revoca in Consiglio comunale del project financing approvato dall’Amministrazione precedente. Da allora, la macchina comunale incaricata di portare aventi l’iter non si è mai fermata, nemmeno durante il lockdown e il difficile periodo legato alla pandemia.
Nel 2018 è stata avviata la concertazione con la città e i principali stake holders per raccolgiere le indicazioni sulle funzioni dell’area che fosse il più condiviso possibile e, soprattutto, che rimanesse di proprietà pubblica. Priorità, questa, non solo del sindaco e della giunta, ma anche della popolazione, come emerso dal confronto portato avanti in più e diverse modalità e che si è concretizzato con l’istituzione dell’apposita commissione Arsenale.

Sempre nel 2018 gli uffici comunali hanno predisposto il progetto preliminare relativo al recupero complessivo del compendio; è stata adottata la variante urbanistica e sono stati effettuati i lavori per mettere in sicurezza i tetti delle palazzine più ammalorate, propedeutici ai lavori conservativi.
Nel 2019 è stato completato il progetto esecutivo per il rifacimento delle coperture di tutto il compendio, è stata avviata la campagna di bonifica di tutta l’area ed è stata indetta la gara europea per la progettazione definitiva dell’ex Arsenale nel suo complesso. Nel 2020, nonostante l’emergenza sanitaria, l’iter è andato avanti spedito, raggiungendo gli obiettivi prefissati dal cronoprogramma. La progettazione definitiva è stata assegnata allo studio Politecnica di Modena, che ha vinto la gara europea.

Al progetto sta lavorando un pool di 60 professionisti. E’ stato presentato il progetto esecutivo del 1° lotto, quello per le nuove coperture e delle demolizioni autorizzate dalla Regione. Durante l’estate è stata inaugurata la prima porzione di area verde che andrà a formare il parco pubblico. Si tratta del parco archeologico ricavato sopra il park Arsenale, la cui lavorazione ha portato alla luce una serie di reperti archeologici tra cui i resto di un mulino romano, elementi già visibili al pubblico e che aggiungono ulteriore valore all’area e al suo recupero. In autunno è stata fatta la gara per per appaltare i lavori del 1° lotto. Realizzate le opere impiantistiche propedeutiche alle demolizioni, che sono iniziate oggi.

Sviluppo armonioso e sostenibile

Ad assistere alle prime demolizioni era presente il sindaco Federico Sboarina, insieme agli assessori alla Pianificazione urbanistica Ilaria Segala e ai Lavori pubblici Luca Zanotto. Presenti anche la presidente della commissione Arsenale Paolo Bressan e il consigliere Roberto Simeoni.

“Oggi siamo partiti e non ci si ferma più. L’arsenale è la prima opera pubblica su cui l’Amministrazione ha lavorato appena insediata, avviando un processo di partecipazione e coinvolgimento della cittadinanza senza precedenti. A differenza del passato, dove la pianificazione era fatta a suon di centri commerciali, noi partiamo da una visione complessiva di Verona, secondo uno sviluppo armonioso e sostenibile. Per ciò che rappresenta l’arsenale, questo non è un cantiere come gli altri. Sono vent’anni che si parla di recuperarlo e toglierlo dallo stato di abbandono e degrado in cui i cittadini si sono rassegnati a vederlo. Un luogo dalle straordinarie potenzialità che ora, dopo anni di parole al vento, verrà finalmente restituito ai veronesi e alla comunità. E che, soprattutto, rimarrà di proprietà pubblica, perchè se c’è un’area che i cittadini sentono come propria è l’arsenale. Le destinazioni previste lo faranno diventare luogo di aggregazione adatto a tutte le età, spazio culturale e di innovazione artistica. Questo è senza dubbio un momento positivo per tutta la comunità. Per anni, passando da qui, abbiamo visto l’arsenale decadere piano piano, i tetti sfaldarsi, l’incuria prendere il sopravvento. Ora vediamo le ruspe in azione e tra pochi giorni lo vedremo impacchettato con le impalcature. I cittadini hanno la certezza che sarà loro restituito nella sua originaria bellezza”.

Zanotto ha aggiunto:

“Le demolizioni dureranno circa un mese. Non si tratta solo di buttare già le palazzine, ma anche di recuperare tutto il materiale, separarlo in base alla tipologia, stoccarlo e quindi trasportarlo in discarica. Le palazzine demolite sono quelle che, non avendo valore storico, in accordo con la Soprintendenza non sono state inserite nel progetto di recupero. Al loro posto verrà realizzato il grande polmone verde del quartiere”.

Segala ha concluso:

“Andiamo spediti. Si procede su livelli diversi ma paralleli, proprio per arrivare all’obiettivo il prima possibile. A giorni sapremo il vincitore del bando a cui saranno affidati i lavori per il rifacimento delle coperture. Anche la progettazione definitiva è pressochè conclusa, i progettisti si stanno confrontando con l’Accademia di Belle Arti per i dettagli degli spazi interni, idem con i Musei civici per la Palazzina di Comando. Nella Corte Est abbiamo previsto il mercato coperto ma anche spazi per servizi pubblici. Ci piace il modello realizzato a Modena, ci siamo confrontati con la priorità per i dettagli tecnici, dagli accessi alla logistica per lo scarico delle merci. La priorità è tuttavia la Corte Ovest, l’avvio dei lavori è legato alla vendita di palazzo Verità Montanari, i privati che lo acquisteranno dovranno infatti finanziare il restauro della palazzina destinata all’Accademia di Belle Arti”.

3 foto Sfoglia la gallery
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli