Piazza Bra

L’atleta paralimpico Andrea Devicenzi fa tappa a Verona, 900 chilometri della Via Postumia – FOTO E VIDEO

Devicenzi: "Posso dire che lo sport mi ha salvato la vita e lo sta facendo da ben 40 anni".

Verona Città, 16 Settembre 2020 ore 17:05

La tappa nella città scaligera.

Accolto sulla gradinata di Palazzo Barbieri

Instancabile e sempre sorridente. L’atleta paralimpico Andrea Devicenzi nella giornata di oggi, mercoledì 16 settembre 2020, ha fatto tappa a Verona nel corso del suo cammino attraverso i 900 chilometri della Via Postumia da Grado a Genova. L’assessore Francesca Toffali, con delega ai Rapporti con i Veronesi nel mondo, l’ha accolto sulla scalinata di Palazzo Barbieri.

L’incidente nel 1990

Devicenzi racconta la sua storia e spiega:

“Sono nato a Cremona il 18 luglio 1973, all’età di 17 anni, in seguito ad un incidente stradale in sella alla mia moto ho perso per sempre la mia gamba sinistra ma non ho di certo perso la voglia di vivere. Pratico sport dall’età di 5 anni tra calcio, ciclismo, triathlon e cammini. Posso dire che lo sport mi ha salvato la vita e lo sta facendo da ben 40 anni. Questo è il terzo anno consecutivo in cui ho voluto fare il cammino per testimoniare la bellezza della Pianura Padana, ricca eccellenza a livello mondiale, per dar voce al momento difficile che stiamo vivendo e di turismo lento in cui credo tantissimo, dove si vivono le ricchezze del paese”.

Numerosi i chilometri percorsi

L’atleta prosegue:

Oggi ho percorso 22 chilometri, di media ne percorro circa 20/22 al giorno. Da ciclista a pellegrino la Pianura Padana può sembrare semplice da percorre ma caldo, afa ed umidità mettono in difficoltà anche il più esperto. Prima della pandemia avevo pensato a un progetto per incontrare le scolaresche lungo il mio cammino, io e la mia squadra siamo una goccia nell’oceano ma credo che più persone parleranno dell’impresa e più la stessa non rimarrà inosservata”.

9 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità