Servizi

Linea ferroviaria Verona-Padova, firmato protocollo di legalità per la tratta AV/AC Verona-bivio Vicenza

Prevenire e contrastare le infiltrazioni criminali.

Linea ferroviaria Verona-Padova, firmato protocollo di legalità per la tratta AV/AC Verona-bivio Vicenza
Cronaca Verona Città, 30 Marzo 2021 ore 17:13

Firmato oggi, martedì 30 marzo 2021 un Protocollo di legalità tra Prefettura di Verona, Prefettura di Vicenza, IRICAV DUE e Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) per gli interventi riguardanti le opere del lotto funzionale Verona – bivio Vicenza che si sviluppa in territorio veronese e vicentino ed è parte della linea AV/AC Verona-Padova. Lo scopo del Protocollo è prevenire e contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata in materia di appalti, servizi e forniture pubbliche.

Linea ferroviaria Verona-Padova, firmato protocollo di legalità

Il documento, sottoscritto dal General Contractor IRICAV DUE, e anche sottoscritto dalle organizzazioni sindacali di categoria, riguarderà tutta la filiera delle imprese affidatarie dei lavori che a qualunque titolo saranno impegnate nella realizzazione dell’opera. Il Protocollo prevede la collaborazione tra le Prefetture e il Gestore dell’infrastruttura per vigilare sul pieno rispetto della legalità nei contratti pubblici, sviluppando, in aggiunta agli standard richiesti dalla normativa, ulteriori forme di controllo, scambio di informazioni e procedure che ne garantiscano la trasparenza.

Nuova linea Verona-bivio Vicenza

L’attività rientra fra le iniziative intraprese dal Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, con il coordinamento della Direzione Centrale Protezione Aziendale, per tutelare la realizzazione di opere e la prestazione di servizi di interesse pubblico da ogni tentativo di infiltrazione da parte della criminalità organizzata.

La nuova linea Verona-bivio Vicenza ha un costo complessivo di 2,76 miliardi di euro ed è parte del Corridoio ferroviario europeo TEN-T “Mediterraneo”. La conclusione dei lavori è prevista entro dicembre 2026.