Verona

Lutto nel mondo della musica: è morto Renato dei Kings

Icona e voce del Verona Beat lascia un grande vuoto nella città Scaligera.

Lutto nel mondo della musica: è morto Renato dei Kings
Verona Città, 13 Novembre 2020 ore 17:38

Un “caffè amaro”, forse amarissimo.

Lutto nel mondo della musica

Renato Bernuzzi, conosciuto da tutti come Renato dei Kings è scomparso nella notte a 75 anni. Volto noto e icona della musica, lascia un grande vuoto a Verona. Tutti nella provincia di Verona lo conoscono grazie al brano “Caffè amaro”. L’amico Giò Zampieri l’ha salutato sui social:

“I BUTEI del Verona beat ti piangono……..Ciao Renato. Sarai l’ICONA del Verona beat per sempre…. riposa in pace amico mio”

Il cordoglio

Sulla pagina Facebook del Verona Beat è stato condiviso un ricordo:

“Cinquantre anni dopo ‘Caffè amaro’, Renato dei Kings ci ha lasciati. Aveva registrato l’anno scorso una nuova canzone che parla della nostra città, dedicata a tutti i suoi fan: ‘Verona sono qui con te’. Renato Bernuzzi, settantacinquenne ex cantante dei Kings (avrebbe compiuto 76 anni il prossimo 28 dicembre), dopo sessant’anni di musica era ancora attivo e pronto a stupire. Quale persona poteva essere più giusta per rappresentare la nostra città, se non l’icona del beat veronese, il cantante che tutti conoscono nella nostra provincia come il divulgatore di «Caffè amaro», Renato? Grazie alla canzone del 1967, scritta da Ennio Ottofaro e Pierpaolo Adda ex chitarrista e batterista dei Kings, è diventato la voce più famosa del beat veronese. Il cantante aveva iniziato a farsi conoscere negli anni ‘50 appena sedicenne come leader dei Misfits, protagonista al Festival degli sconosciuti di Ariccia dove riceve un contratto discografico con la Durium, con cui incide due 45 giri. Nel 1965 rimpiazzò Dino con i Kings e il successo diventò nazionale. Vennero così un lp e tanti singoli, tra cui ‘Caffè amaro’, l’inno della Verona Beat. Ciao Renato, riposa in pace!”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità