Cronaca

Morelli Bugna, Tumicelli non arretra: "Dimostrerò mia innocenza"

L'avvocato del presidente dell'ipab ha scritto al sindaco Faccioli in vista del Consiglio comunale di questa sera

Morelli Bugna, Tumicelli non arretra: "Dimostrerò mia innocenza"
Cronaca Villafranca, 18 Aprile 2017 ore 16:07

L'avvocato del presidente dell'ipab ha scritto al sindaco Faccioli in vista del Consiglio comunale di questa sera

Questa la lettera scritta dall'avvocato Nicola Grani, legale di Davide Tumicelli:

Egregio sig. sindaco, il sig. Davide Tumicelli, che rappresento, apprende dalla stampa locale che nella serata odierna è convocato il Consiglio comunale di Villafranca al fine di discutere la situazione della casa di riposo Morelli Bugna.

A dispetto del provvedimento cautelare che l’ha ingiustamente colpito il sig. Tumicelli, mio tramite, intende affermare con forza e convinzione di sempre avere agito – e con sé l’intero Consiglio di amministrazione e gli organi dell’ente - nella piena legittimità, regolarità e nel pieno ed esclusivo interesse dell’ente che rappresenta e dei suoi ospiti e ciò a prezzo anche di pesanti conseguenze personali.

Il silenzio “mediatico” sin’ora tenuto dal mio assistito oltre che imposto dallo stato in cui egli attualmente si trova ha, inoltre, un preciso fondamento nella convinzione, da un lato, della effettiva vigenza, nel nostro ordinamento, dell’art. 27 comma 2 della Costituzione che assicura a tutti una presunzione non colpevolezza sino a sentenza definitiva, e dall’altro, che i processi debbano essere celebrati nelle competenti sedi giudiziarie e non sui mezzi di comunicazione o nelle assemblee politiche.

Per tale ragione il sig. Tumicelli si augura sia celebrato al più presto il processo che lo riguarda così da poter dimostrare nella pienezza del contraddittorio e pubblicamente la correttezza e legittimità del proprio agire augurandosi sin da ora che quanti più villafranchesi possibile possano assistere all’intero processo.

In relazione, infine, al dibattito consiliare previsto per la serata il sig. Tumicelli, non potendovi per ovvie ragioni parteciparvi, quale cittadino si augura di poter avere l’opportunità, in tempi assai, brevi di poter rendere personalmente conto sia al Consiglio che alla cittadinanza tutta del proprio operato politico.

Le si chiede, pertanto, la cortesia istituzionale di mettere a parte il Consiglio del contenuto della presente.

Seguici sui nostri canali