Moria di viti nel veronese per il mal dell’esca

Il problema torna a farsi sentire in maniera molto più forte e prepotente, danneggiando non solo i vitigni vecchi come accadeva un tempo, ma anche i nuovi impianti.

Moria di viti nel veronese per il mal dell’esca
Valpolicella, 08 Novembre 2018 ore 11:31

Si chiama mal dell’esca la nuova piaga con cui devono fare i conti i viticoltori veronesi. Un problema antico, causa da sempre di moria delle vigne, ma che oggi è tornato a farsi sentire in maniera molto più forte e prepotente, danneggiando non solo i vitigni vecchi come accadeva un tempo, ma anche i nuovi impianti. Quest’anno si calcola che il mal d’esca abbia colpito dal 20 al 30% delle vigne, costringendo all’espianto delle piante morte e al reimpianto di nuove.

Un convegno sul problema

Ecco il perché del convegno promosso da Confagricoltura Verona dal titolo “Mal dell’esca: flagello viticolo del XXI secolo? – Stato dell’arte e possibili soluzioni”, che si svolgerà martedì 20 novembre alle 10 nella foresteria di Villa Serego Alighieri a Gargagnago, nel cuore della Valpolicella, con il contributo di Banco Bpm e partner tecnico i Vivai cooperativi Rauscedo.

I relatori

Il convegno sarà aperto da Paolo Ferrarese, presidente di Confagricoltura Verona e da Leonardo Rigo, responsabile della direzione territoriale di Verona e Nordest del Banco Bpm, e moderato da Giannantonio Armentano dell’Informatore Agrario. Quindi Michele Borgo, del Crea-vit di Conegliano, parlerà delle criticità del sistema vigneto nell’epidemia del mal d’esca; Yuri Zambon, ricercatore nell’ambito delle patologie vegetali dell’Università di Bologna, illustrerà il sistema dell’acqua attivata al plasma per una difesa ecosostenibile della vite; Roberto Trentin, tecnico specializzato nella patologia, spiegherà invece come si possa fare prevenzione attraverso la protezione dei tagli da potatura con il sistema Tessior; Fabio Sorgiacomo, altro tecnico di alta levatura, invece parlerà delle iniezioni endoterapiche con il nuovo metodo Corradi su vite. Le conclusioni saranno affidate a Christian Marchesini, vicepresidente nazionale e presidente veneto dei viticoltori di Confagricoltura.

“I vigneti hanno una vita sempre più corta”

“Confagricoltura vuole indagare un problema antico per i vigneti, il cui nome richiama l’uso che si faceva un tempo delle viti morte per attizzare il fuoco – spiegano Ferrarese e Marchesini -. Quest’anno il problema è diventato molto più grave, con un’emergenza che riguarda le vigne giovani di 7-8 anni. Sappiamo che la causa della moria è un complesso enorme di funghi, più di 50 ceppi diversi, che attacca la vite e non le lascia scampo. Non si sa, invece, come mai oggi il mal dell’esca sia diventato così aggressivo, colpendo le viti giovani e in maniera così diffusa. Quel che è certo è che i vigneti hanno una vita sempre più corta, costringendo i viticoltori a investimenti pesanti per sostituire le piante morte. Oggi però si stanno affacciando nuove cure che possono riuscire a curare la parte malata delle piante e a guarirla. Nel convegno presenteremo i sistemi più innovativi, che possono consentire di recuperare le viti, evitando di perdere anni nel reimpianto”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità