"Natale per tutti", la raccolta giocattoli per bambini in difficoltà

Per il settimo anno, Garden Floridea e Centro di Servizio per il Volontariato (CSV) di Verona organizzano l'iniziativa.

"Natale per tutti", la raccolta giocattoli per bambini in difficoltà
Verona Città, 10 Novembre 2018 ore 15:45

Torna “Natale per Tutti”, la migliore tradizione solidale cui Verona non vuole rinunciare. Per il settimo anno, Garden Floridea e Centro di Servizio per il Volontariato (CSV) di Verona organizzano la raccolta di giocattoli e materiale per l’infanzia e la scuola da donare ai bambini, alle famiglie e alle persone in difficoltà. Hanno presentato l’iniziativa Maurizio Piacenza titolare di Garden Floridea, Chiara Tommasini presidente del CSV di Verona e Nicolò Zavarise presidente della 3° Circoscrizione.

Le donazioni di giocattoli e altri oggetti

Quest’anno, a partire da sabato 1 dicembre e fino alla vigilia di Natale, sarà possibile donare giocattoli, passeggini, fasciatoi, culle da destinare ai più piccoli e materiale scolastico per i bambini un po’ più grandi. Le donazioni saranno raccolte nel punto vendita Garden Floridea di via Gardesane 33 e consegnate al CSV che, conoscendo le necessità delle associazioni del territorio, provvederà a distribuirle a quanti si trovano in situazioni di difficoltà, attraverso i propri operatori e alla rete del volontariato di Verona e provincia.

Come contribuire alla raccolta

Per contribuire alla raccolta, l’organizzazione raccomanda di consegnare materiali in buono stato, in ordine e puliti: solo così si potrà fare la felicità di tante persone. Si precisa anche che non sono graditi pistole giocattolo o armi giocattolo. Nel caso i giochi siano alimentati a batteria, meglio consegnarli già funzionanti in modo da evitare spese non necessarie alle famiglie e delusione ai bambini che li ricevono.

"Il grande cuore dei veronesi"

“Il successo che ‘Natale per Tutti’ ha ottenuto in questi anni – sottolinea Maurizio Piacenza, titolare del Garden Floridea – è stato assolutamente straordinario, il che conferma il grande cuore dei veronesi quando vengono chiamati a dare una mano a chi è in difficoltà. A loro va il nostro ringraziamento e, ovviamente, al CSV che ha reso possibile questa straordinaria collaborazione: abbiamo stimato che insieme, in questi sei anni, siamo riusciti a raccogliere circa 12mila oggetti dando un sostegno reale a famiglie e persone in difficoltà. L’invito è di donare anche materiale per la scuola di cui c’è sempre grande necessità”.

Decine di associazioni ne hanno beneficiato

Sarà compito del CSV, poi, selezionare i doni depositati nelle ceste messe a disposizione all’interno del Garden Floridea e distribuirli alle associazioni che ne hanno fatto richiesta. Sono decine le associazioni che, negli anni scorsi, hanno potuto beneficiare di questi regali.

"Un progetto straordinario"

“Questo progetto – spiega la presidente Tommasini – è straordinario perché dimostra come settore profit e no-profit possano collaborare insieme per il benessere della comunità. Grazie alla stretta collaborazione con le associazioni abbiamo dato nuova vita a migliaia di giocattoli e oggetti per l’infanzia che probabilmente non venivano più utilizzati. Ricordo che i doni devono essere in buono stato, funzionanti e puliti perché si tratta di regali che vanno a persone e famiglie meno fortunate. Siccome il passaparola ha contribuito ad ampliare la platea di associazioni che ci chiedono materiale, accettiamo anche giochi in società molto utili per stimolare la memoria di anziani e malati di Alzheimer”.

Tutti possono contribuire

“Invito tutti i cittadini – ha detto il presidente della 3° Circoscrizione Zavarise – a contribuire a ‘Natale per Tutti’ con un gioco o con materiale scolastico per dare un aiuto vero alle famiglie in difficoltà e perché davvero il prossimo Natale nessuno si senta trascurato”.

I numeri dello scorso anno

L’obiettivo è quello di raccogliere più giocattoli dell’anno scorso in modo da riuscire a donare di più. Grazie a “Natale per Tutti 2017”, i veronesi avevano donato complessivamente oltre 3mila oggetti: circa 1600 peluche, tra grandi e piccoli, orsacchiotti e altri animali; 200 giochi per i più piccoli, adatti a bambini nei primi anni d’età. E poi un centinaio di macchinine, oltre 200 giochi più grandi come cucine, castelli, casette, accompagnati da un centinaio di scatole per giochi in società. Senza dimenticare la parte educativa che contava 600 libri per le prima infanzia e altri 300 per i bambini un po’ più grandi.

Doni anche alle associazioni che si occupano degli anziani

Non solo bambini però: già da qualche anno, infatti, alcune tipologie di giochi in scatola e bambole vengono donati alle associazioni che si occupano di accudire gli anziani e le persone malate di Alzheimer. I giochi contribuiscono a mantenere la mente allenata.