Cronaca

Nigeriano senza biglietto si scaglia contro capotreno e poliziotti

L'uomo, nonostante la giovane età, annovera numerosi precedenti per reati inerenti gli stupefacenti, lesioni e violenza a pubblico ufficiale, con una condanna anche per quest’ultimo reato.

Nigeriano senza biglietto si scaglia contro capotreno e poliziotti
Cronaca Verona Città, 13 Giugno 2019 ore 21:04

Nel pomeriggio di ieri gli agenti della Polizia di Stato del settore operativo della polizia ferroviaria di Verona Porta Nuova, hanno arrestato O.S., cittadino nigeriano di 26 anni, residente a Brunico (Bz), titolare di un permesso di soggiorno per richiesta di asilo politico, rilasciato dalla Questura di Bolzano, scaduto a novembre 2018 e in attesa di rinnovo.

Senza biglietto

Il cittadino straniero era a bordo dell’Eurocity 81, proveniente dalla frontiera del Brennero, privo di titolo di viaggio. Il capo treno, vista l’agitazione ed il categorico e sfrontato rifiuto dell’uomo di fornire le proprie generalità, ha richiesto alla centrale operativa compartimentale della polfer l’intervento dei poliziotti. All’arrivo del treno nella stazione di Verona Porta Nuova, il cittadino nigeriano ha tentato di dileguarsi alla vista dei poliziotti, immediatamente accorsi sul binario.

L'aggressione

L’atteggiamento fortemente ostile e di ribellione del giovane, ha costretto agli agenti a condurlo, una volta bloccato, all’interno degli uffici di polizia per il compimento di un più approfondito e sicuro controllo. Qui, l’uomo ha aggravato ulteriormente la sua posizione tentando di aggredire il capo treno: il pronto intervento degli operatori della Polfer presenti ha consentito, fortunatamente, di evitare che l’azione violenta fosse portata a termine. Il nigeriano, nel tentativo di sottrarsi al controllo, è riuscito, tuttavia, a ferire due poliziotti: mentre uno degli agenti ha ricevuto un morso alla mano destra, l’altro ha subito la frattura di un dito della mano sinistra. Le violente intemperanze del cittadino nigeriano sono state continue tanto che il i poliziotti hanno ritenuto opportuno chiamare per ben 2 volte il pronto intervento medico-118 per verificare e tutelate le condizioni del soggetto e la sua incolumità. Nessun intervento si è poi reso necessario per lo straniero mentre i poliziotti hanno dovuto ricorrere alle cure in ospedale per le ferite riportate, che il personale sanitario ha refertato guaribili, rispettivamente, in quattro giorni e in 30 giorni.

Soggetto non nuovo a questi episodi

O. S., nonostante la giovane età, annovera numerosi precedenti per reati inerenti gli stupefacenti, lesioni e violenza a pubblico ufficiale, con una condanna anche per quest’ultimo reato. Proprio in considerazione della condotta violenta, il giovane nigeriano è stato tradotto, su
disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente, alla casa circondariale di Montorio, in attesa del processo per direttissima, durante il quale, questa mattina, è stato convalidato l’arresto e concesso il nulla osta all’espulsione dal territorio nazionale. Il Questore di Verona, dott.ssa Ivana Petricca, ha emesso, nei confronti del cittadino straniero, l’ordine di accompagnamento presso il CPR, a seguito del provvedimento di espulsione.