Nonni dipingono il futuro in pediatria a Legnago

Portare a dipingere "fuori porta" gli anziani della Residenza San Giuseppe.

Nonni dipingono il futuro in pediatria a Legnago
Legnago e bassa, 18 Dicembre 2019 ore 12:14

Nonni dipingono il futuro in pediatria a Legnago

Nonni dipingono il futuro in pediatria a Legnago

Rende una stanza accogliente e solare per i più piccoli, con disegni che, a prima vista, fanno sognare ed emozionare. La Fondazione Gobetti di San Pietro di Morubio si è recata nella pediatria dell’ospedale di Legnago per la conclusione del progetto “I nonni che dipingono il futuro”, ad accoglierli c’era il primario di pediatria che ha salutato il presidente della struttura, nonni e lavoratori che hanno partecipato al progetto di murales alla nuova pediatria.

7 foto Sfoglia la gallery

Gratitudine e gioia

“Gratitude, portare a dipingere “fuori porta” gli anziani della Residenza San Giuseppe è stata una emozione che resterà sempre nel cuore, spiega Thomas Chiaramente, che è il segretario della Fondazione Gobetti, “Cosa portiamo a casa dopo questa esperienza? Sicuramente una grande gioia! Andare a dipingere i nuovissimi reparti di pediatria e patologia neonatale dell Ospedale Mater Salutis di Legnago con gli anziani della Fondazione San Giuseppe di San Martino Buon Albergo e, nei momenti liberi, continuare a dipingere con i figli di alcuni dipendenti e volontari ha permesso di costruire un legame che è andato al di là del ‘semplice lavorare’. Trovarsi in momenti informali ha dato la possibilità a noi dipendenti di rompere schemi abituali, di creare nuove sintonie tra di noi, con volontari e famigliari. Festeggiare l’ultimo giorno con spumante e pasticcini (in parte regalati dalla stessa pasticceria che conosciuta l’iniziativa ha voluto parteciparvi ) insieme al presidente e al direttore della Casa, al primario del reparto, vedere dipingere anche loro ci ha riempito il cuore. Vedere la serietà e l’attenzione di grandi (la più matura “solo” 91 anni) e la giocosità accompagnata alla concentrazione del pittore più giovane (8 anni)… Vedere la nostra piccola mascotte di due anni elargire sorrisi a nonni e piccini è stato commovente. Tutti i presenti hanno lasciato un segno, infermieri e primario compresi : “una piccola foglia sugli alberi della vita” segno del loro passaggio e del loro contributo per rendere il nuovo reparto di pediatria colorato e bellissimo. Gli anziani, i bambini e i dipendenti hanno curato i dettagli con attenzione. Difficile spiegare a parole, ma riporto una riflessione della fisioterapista al ritorno dell’ultimo incontro: ‘Nata da più teste, ma che ha coinvolto tanti cuori! Tornando in pulmino già ne sentivamo la mancanza. Ogni viaggio, ogni pennellata insieme, ci ha arricchito, ci ha regalato gioia, sorrisi, saggezza donateci dalle nostre pittrici più anziane. Qualcuno mi ha detto ‘che bello che è lavorare così! Sei fortunata!’ Impossibile dire di no”.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità