Menu
Cerca
Verona

Nuova area camper tra Borgo Venezia e San Michele: progetto con uno spazio di 5mila metri quadrati

Posizione strategica, a poche centinaia di metri dal casello autostradale di Verona est e all'allacciamento della tangenziale.

Nuova area camper tra Borgo Venezia e San Michele: progetto con uno spazio di 5mila metri quadrati
Cronaca Verona Città, 15 Aprile 2021 ore 09:13

Nuova area camper, ma anche miglioramenti alla viabilità e opere compensative a vantaggio del territorio. L’assessore all’Edilizia privata Andrea Bassi ha effettuato un sopralluogo in via Ascheri, a San Michele Extra, nell’area che dovrebbe diventare uno spazio turistico attrezzato per la sosta dei camper.

Nuova area camper tra Borgo Venezia e San Michele

Un’ispezione utile ad approfondire alcuni aspetti del progetto, in vista della commissione consiliare Urbanistica che si terrà domani, per valutare la proposta del privato così come la corrispondenza con le reali esigenze del quartiere. Assieme all’assessore erano presenti il presidente della commissione consiliare Urbanistica Matteo De Marzi e il consigliere comunale di zona Stefano Vallani.

Il progetto prevede la realizzazione di un’area camper su un terreno al confine tra Borgo Venezia e San Michele, uno spazio di circa 5 mila metri quadrati oggi inutilizzato e allo stato incolto.

Posizione strategica

Una posizione strategica, a poche centinaia di metri dal casello autostradale di Verona est e all’allacciamento della tangenziale e alle arterie che permettono un collegamento veloce verso il lago di Garda e le montagne veronesi. Comodo e veloce anche l’accesso al centro città sia con i mezzi pubblici sia grazie alla pista ciclabile. Un intervento per il quale è prevista, a titolo di opera compensativa, la realizzazione di un parcheggio per la sosta delle auto nell’area adiacente a quella dei camper, di proprietà del Comune e attualmente inutilizzata.

Dettagli che verranno valutati attentamente dalla commissione consiliare Quarta, anche alla luce di quanto emerso dal sopralluogo. Bassi ha affermato:

“E’ un progetto davvero interessante che riqualificherà uno spazio importante, offrendo un servizio turistico che oggi non esiste in quella zona della città. Allo stesso modo, però, vogliamo che anche le opere compensative siano le migliori possibili, in base alle reali esigenze del territorio. Ecco perché stamattina abbiamo fatto ulteriori analisi che porteremo domani in commissione. L’opera dovrà essere a vantaggio della collettività. Così come puntiamo ad un miglioramento della viabilità, data la vicinanza con la grande arteria di via Unità d’Italia e il raccordo della tangenziale”.