Menu
Cerca
Verona

Nuova programmazione forniture dosi, Girardi: “Mi scuso per il disguido sulla mancanza dei vaccini”

La programmazione permetterà di somministrare 5mila vaccini al giorno.

Nuova programmazione forniture dosi, Girardi: “Mi scuso per il disguido sulla mancanza dei vaccini”
Cronaca Verona Città, 06 Aprile 2021 ore 17:57

Nuovo aggiornamento sul piano vaccinazioni della Provincia di Verona, sono arrivate le dosi del mese di aprile e quindi il calendario può essere programmato. Il direttore generale dell’Ulss 9 Scaligera si è inoltre scusato per il disguido del week end sulla mancanza di vaccini e quindi sulla posticipazione dell’appuntamento.

Arrivate le dosi del mese di aprile

Il direttore generale dell’Ulss 9 Scaligera, Pietro Girardi ha reso noto oggi, martedì 6 aprile 2021 che sono arrivate le dosi dei vaccini del mese di aprile:

“Quest’oggi abbiamo ricevuto la nuova programmazione delle forniture delle dosi del mese di aprile per quanto riguarda i vaccini, con la consegna di 150mila vaccini che saranno suddivisi in AstraZeneca, Moderna e Pfizer. La programmazione e consegna delle forniture ci permetterà di fare assieme ai medici di medicina generale e all’azienda ospedaliera solo 5mila vaccini al giorno, la macchina messa in piedi è invece pronta per farne 12mila al giorno”.

Le scuse dall’Ulss

Per quanto riguarda il disguido avvenuto nel fine settimana dove molti anziani sono dovuti tornare a casa senza aver ricevuto la somministrazione del vaccino, caso che è stato esposto anche dal Governatore Luca Zaia, il direttore generale ha spiegato:

“Le categorie delle persone che continueremo a far prenotare per la vaccinazione sono le stesse degli ultimi giorni, anziani over 80, over 70, i disabili e le persone vulnerabili. E’ vero che abbiamo avuto qualche problema nel fine settimana perché abbiamo buttato il cuore oltre all’ostacolo e abbiamo vaccinato più persone, nello specifico i cargiver, i conviventi e delle persone che non erano prenotate ma che avevamo avuto la condizione di facilitare. Abbiamo inviato le email, gli sms che probabilmente non sono arrivati a tutti e abbiamo chiamato per generare meno fastidio possibile. Noi ci scusiamo, il nostro intento è favorire la popolazione e vaccinare, mi scuso personalmente”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli