Finanziare l'opera

Nuovo collettore del Garda: opportunità di finanziamento dal Recovery Fund

Cresco: “Dobbiamo lavorare tutti insieme per convincere ministro e governo a inserire il collettore tra le opere da finanziare con il Recovery Fund”.

Nuovo collettore del Garda: opportunità di finanziamento dal Recovery Fund
Garda, 28 Settembre 2020 ore 13:15

Il nuovo collettore del Garda e le opportunità che il Recovery Fund può mettere a disposizione per il suo finanziamento.

Nuovo collettore

È stato questo l’oggetto dell’incontro, organizzato da Azienda Gardesana Servizi al depuratore di Peschiera del Garda. Al tavolo di lavoro hanno partecipato l’onorevole Alessia Rotta, presidente della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici della Camera, Angelo Cresco presidente AGS, Carlo Alberto Voi direttore AGS, il presidente di Acque Bresciane Gianluca Delbarba con il direttore Paolo Saurgnani, il presidente di Garda Uno Mario Bocchio e di Depurazioni Benacensi Pierluigi Mottinelli. Presenti all’incontro i sindaci e i rappresentanti dei paesi della sponda veronese interessati direttamente dall’opera cioè Bardolino, Brenzone, Castelnuovo del Garda, Costermano sul Garda, Garda, Lazise, Malcesine, Peschiera e Torri del Benaco e i rappresentanti del Cda di Ags. Il presidente di AGS Cresco ha spiegato:

“Noi faremo il possibile e l’impossibile perché venga rispettata la road map per la realizzazione del nuovo collettore. È una battaglia che dobbiamo portare avanti tutti insieme perché con questa infrastruttura ci giochiamo il futuro dello sviluppo di tutta l’area rivierasca e di quella più interna. Il nostro obiettivo è partire con i lavori del primo lotto con il nuovo anno, ma non vorremmo che questa infrastruttura fondamentale rimanga un’incompiuta per la fine dei finanziamenti. Perciò dobbiamo lavorare tutti insieme con le forze parlamentari, le due Regioni, le Province e i sindaci del territorio, per convincere il ministro dell’Ambiente e il governo che il collettore è determinante per la difesa e la tutela ambientale e che va inserito tra le opere finanziate attraverso il Recovery Fund”.

rpt_vivid

A disposizione 209 miliardi

Il Recovery Fund mette complessivamente a disposizione per il nostro Paese 209 miliardi di euro, di cui il 37% da destinare a progetti di “green economy”. Rotta ha dichiarato:

“Nell’ambito del Recovery Plan la Commissione Ambiente sta elaborando le proprie linee guida e intende sollecitare una particolare attenzione alle infrastrutture idriche per la derivazione, il trasporto e la distribuzione dell’acqua. In questo contesto si chiede una particolare attenzione anche per le infrastrutture idriche di collettamento. In particolare penso che la candidatura del nuovo collettore del Garda tra i destinatari delle risorse europee possa essere fattibile. In questi mesi, abbiamo fatto i compiti a casa: i lavori di progettazione sono in stato avanzato, visto che siamo al livello esecutivo. Sappiamo bene che uno dei criteri che l’Europa chiede è la fattibilità entro il 2026. Quindi, chi ha i progetti pronti è di fatto già in vantaggio e in questo caso il collettore parte in vantaggio”.

Il presidente di Acque Bresciane Delbarba ha aggiunto:

“Oggi è stato un incontro proficuo per ribadire come a livello nazionale il progetto del depuratore sia considerato un’opportunità, a cui lavorare insieme. I finanziamenti aggiuntivi del Recovery fund consentirebbero di migliorare ulteriormente il progetto e soprattutto le opere a vantaggio del Chiese”.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità