Omicidio a Verona, l’uomo rimane in carcere

Si è svolta oggi in carcere l’udienza di convalida del fermo emesso dalla Squadra Mobile nei confronti del portoghese Soares Lourenco Sergio Filipe

Omicidio a Verona, l’uomo rimane in carcere
Cronaca 04 Settembre 2017 ore 20:17

Si è svolta oggi in carcere l’udienza di convalida del fermo emesso dalla Squadra Mobile nei confronti del portoghese Soares Lourenco Sergio Filipe

Nella giornata odierna, davanti al Giudice per le indagini preliminari Dott.ssa Franciosi, si è svolta in carcere l’udienza di convalida del fermo emesso dalla Squadra Mobile nei confronti del portoghese Soares Lourenco Sergio Filipe per omicidio aggravato dall’uso dell’arma. Pur non ritenendo sussistente il pericolo di fuga, il GIP, considerata la pericolosità del soggetto ed i gravi indizi di colpevolezza a suo carico, ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere derubricando il fatto ad omicidio preterintenzionale.

Nella serata di giovedì scorso (vedi qui), la locala Sala Operativa dirottava le volanti al residence “Dimora del viaggiatore” sito in questa via Legnago n.250, a seguito di segnalazione di persona accoltellata. Giunti sul posto poco dopo personale medico del 118, veniva constatato il decesso di Fajardo Moio Joaquim Manuel rinvenuto a terra con una vistosa ferita alla coscia. Sigillata la scena del crimine in attesa dell’arrivo del personale del locale Gabinetto di Polizia Scientifica, venivano accompagnate in Questura tutte le persone presenti nella struttura ricettiva connazionali della vittima. Tra questi, fin da subito, grazie alle prime dichiarazioni rilasciate dagli altri, emergevano forti sospetti sul fermato. Lo stesso non solo era stato visto litigare con la vittima, ma, all’arrivo delle Volanti, si era precipitosamente allontanato. Da quanto emerso dalle dichiarazioni rese dai testimoni, all’arrivo della Polizia, il Soares, fino a quel momento rimasto vicino alla vittima, si sarebbe allontanato dirigendosi nella sua stanza sita al piano superiore. Prima di salire, però, così come riferito da un testimone, si sarebbe diretto verso la recinzione esterna ove successivamente è stata rinvenuta l’arma del delitto. Per tutte le prove raccolte a carico del Soares, la Squadra Mobile disponeva il Fermo.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità