Cronaca
Verona

Ordinanza di contenimento Coronavirus, cos'è permesso e cosa vietato

Molti dei dubbi e dei quesiti emersi da ieri sono stati chiariti

Ordinanza di contenimento Coronavirus, cos'è permesso e cosa vietato
Cronaca Verona Città, 24 Febbraio 2020 ore 21:52

Ordinanza di contenimento dell’emergenza epidemiologica, ecco i chiarimenti.

Ordinanza di contenimento Coronavirus, cos'è permesso e cosa vietato

La Regione Veneto ha chiarito i quesiti dell’Ordinanza “in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid - 2019”. Questa sera, lunedì 24 febbraio 2020, il sindaco Federico Sboarina e il presidente della Provincia, Manuel Scalzotto hanno partecipato al Comitato per l’Ordine e la Sicurezza pubblica che si è tenuto in Prefettura.

Il sindaco ha affermato:

“Molti dei dubbi e dei quesiti emersi da ieri sono stati chiariti dalla circolare della Regione. È stato fatto un bel lavoro di squadra, ringrazio il prefetto e tutti i componenti del tavolo. Ai veronesi ribadisco che gli allarmismi non servono, tutto questo viene fatto a garanzia della salute pubblica. Ai cittadini chiedo di portare pazienza sulle limitazioni della vita quotidiana, ma tutto serve per la prevenzione”.

Scalzotto ha proseguito:

“Ci siamo coordinati come sindaci della Provincia per raccogliere e condividere le precisazioni sull’ordinanza emanata dal Ministero della Sanità di intesa con il presidente della Regione del Veneto. L’obiettivo è prevenire ed essere pronti ad agire in modo tempestivo in caso di necessità nel territorio scaligero”.

LEGGI ANCHEAgricoltore di Albettone potrebbe essere il paziente zero, il diffusore del contagio

LEGGI ANCHEPsicosi da Coronavirus, a Peschiera del Garda audio whatsapp diventa virale

Le indicazioni

Rimangono aperti impianti sportivi, palestre pubbliche e private, piscine pubbliche e private e campi da gioco per corsi e allenamenti. Non sono invece possibili manifestazioni e eventi sportivi che abbiano presenza di pubblico.
Così come rimangono aperti centri linguistici, doposcuola, centri musicali, scuole guida e luoghi dove si tengono i corsi.

Si conferma l’apertura di attività di carattere sociale, come quelle di sostegno e supporto alle persone anziane e diversamente abili. Pertanto rimangono aperti centri diurni e servizi semiresidenziali.

Nemmeno le attività economiche sono interessate da restrizioni. Tutte le attività agricole, commerciali, produttive e di servizio, compresi i servizi pubblici, i mercati settimanali e le mense, rimangono quindi aperti.

Viene confermata, invece, la chiusura fino al 1° marzo di musei, mostre e monumenti, e la sospensione di concerti ed eventi, anche sportivi, che prevedano presenza di pubblico. Confermata anche la sospensione delle attività di spettacolo e, quindi, di teatri, cinema, sale concerti comprese discoteche e sale da ballo.

Torna alla home

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter