Pfas a Villafranca di Verona arriva la conferma di Arpav

Si tratta di Pfos, acido Perfluoro Ottansolfonico: nei 41 campionamenti rilevati 43 nanogrammi per litro d'acqua.

Pfas a Villafranca di Verona arriva la conferma di Arpav
Villafranca, 22 Maggio 2019 ore 14:56

Pfas a Villafranca di Verona arriva la conferma di Arpav. Si tratta di Pfos, acido Perfluoro Ottansolfonico: nei 41 campionamenti rilevati 43 nanogrammi per litro d'acqua.

Pfas a Villafranca di Verona arriva la conferma di Arpav

"I punti classificati in stato chimico non buono a causa del superamento, in termini di concentrazione media annua, di uno dei valori soglia fissati con il decreto 6 luglio 2016 del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare sono cinque: il punto 265 di Brendola (VI), il 464 di Montebello Vicentino (VI), il 465 di Zermeghedo (VI) e il 680 di Villafranca di Verona (VR), rispettivamente con 37, 53, 36 e 43 ng/L di PFOS e il punto 153 di Lonigo (VI) con 33 ng/L di PFOS e 963 ng/L di PFOA". A metterlo nero su bianco la relazione di Arpav appena pubblicata e riferita al perdiodo che va dal 14 giugno 2013 al 31 dicembre 2018.

LEGGI ANCHE: Pfas anche a Villafranca di Verona? Lo chiede la minoranza dem

Analizzati 204 punti

Complessivamente nel 2018 sono stati analizzati 204 punti. I risultati confermano quanto evidenziato nei precedenti rapporti: se si escludono i punti dell’area interessata dall’inquinamento e i tre della provincia di Treviso (punto 117 di Casale sul Sile, punto 758 di Farra di Soligo e punto 766 di Paese) in cui sono state rilevate concentrazioni attorno ai 100 ng/L o più di PFAS totali in tutte o quasi le campagne eseguite, nella maggior parte dei punti in cui sono stati rilevati, sono stati trovati in tracce solamente in una o due occasioni. L’acido Perfluoro Ottanoico (PFOA) è il congenere ritrovato più frequentemente e con le concentrazioni più elevate; mentre l’acido Perfluoro Ottansolfonico (PFOS) è il composto con il maggior numero di superamenti del valore soglia, considerato però che il valore di 30 ng/L è uno o due ordini di grandezza inferiore a quello fissato per gli altri PFAS.

QUI la relazione integrale di Arpav

Seguici sui nostri canali