Cronaca
Associazione non autorizzata

Pfas, pubblicità ingannevole di purificatori per l’acqua potabile

L’associazione del nome e dell’attività di ARPAV al prodotto non è stata autorizzata

Pfas, pubblicità ingannevole di purificatori per l’acqua potabile
Cronaca Legnago e bassa, 26 Febbraio 2020 ore 10:09

Pfas, pubblicità ingannevole distribuita a casa.

Pfas, pubblicità ingannevole di purificatori per l’acqua potabile

Volantini pubblicitari che promuovono la vendita di purificatori d’acqua associando il nome e l’attività di ARPAV. Li hanno trovati nelle cassette postali i cittadini di alcune province del Veneto. Considerata la grande attualità dell’inquinamento da Pfas nell’acqua di alcune zone della regione, il momento è propizio per la commercializzazione di tali prodotti.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Sboarina: “Preoccupato per le attività economiche. Verona reclama aiuti dal Governo”

LEGGI ANCHE: Parto precipitoso in casa, terzo figlio nasce a bordo dell’ambulanza

La segnalazione

A tal proposito l’Agenzia regionale ha già presentato una segnalazione alla competente Autorità in cui si precisa, tra l’altro, che “l’associazione del nome e dell’attività istituzionale di ARPAV al prodotto commercializzato non è mai stata autorizzata”. Inoltre “i filtri a carboni attivi a cui fanno riferimento la comunità scientifica e le istituzioni sono dispositivi installati in impianti di potabilizzazione degli acquedotti pubblici sottoposti a costanti misure gestionali e di controllo da parte del personale tecnico addetto e quindi non consistono in filtri applicati ai singoli rubinetti ad uso domestico”. Per ogni ulteriore approfondimento si può contattare l’Ufficio relazioni con il pubblico di Arpav tel 0498239360, urp@arpa.veneto.it

Torna alla home