Montecchia di Crosara e San Bonifacio

Pietro Maso, che uccise i genitori nel 1991, ha percepito il reddito di cittadinanza dallo Stato

Il criminale dopo aver trascorso 22 anni in carcere, fu rimesso in libertà nel 2013.

Pietro Maso, che uccise i genitori nel 1991, ha percepito il reddito di cittadinanza dallo Stato
San Bonifacio, 30 Luglio 2020 ore 10:57

Percepiva il sussidio.

La rivelazione

Pietro Maso, noto alla cronaca per aver ucciso nel 1991 i genitori Antonio Maso e Mariarosa Tessari a colpi di spranga per ottenerne l’eredità, ha ricevuto il reddito di cittadinanza nel 2019. A renderlo noto è il settimanale “Oggi” dove viene spiegato che il criminale ha intascato il sussidio riservato dallo Stato a tutti coloro che guadagnano meno di 9.360 euro all’anno. Maso infatti sembra che sia comparso nella lista alla fine del 2019.

Potrebbe esser stato sospeso

Secondo il legale, Marco De Gregorio, se veramente fosse stato concesso il sussidio, lo stesso dovrebbe esser stato sospeso nei mesi scorsi per la gravità del reato commesso in quanto Pietro Maso è interdetto “in perpetuo” dai pubblici uffici. Il criminale dopo aver trascorso 22 anni in carcere, fu rimesso in libertà nel 2013, secondo il Codice penale, non possono godere di pensioni, assegni o stipendi a carico dello Stato coloro che hanno dei precedenti penali per reati legati alla criminalità organizzata, per truffa ai danni dello Stato oppure per reati legati al terrorismo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità