Cronaca

Più sicurezza, arriva la videosorveglianza

Gli occhi del «grande fratello» controlleranno tramite le targhe se l’assicurazione è stata pagata e se l’auto non è rubata

Più sicurezza, arriva la videosorveglianza
Cronaca 19 Agosto 2017 ore 20:00

Gli occhi del «grande fratello» controlleranno tramite le targhe se l’assicurazione è stata pagata e se l’auto non è rubata

Anche a Nogarole Rocca arriverà l’occhio elettronico a garantire la sicurezza dei cittadini. In concerto con i Comuni aderenti al servizio intercomunale di Polizia locale – Castel d’Azzano, Buttapietra, Vigasio e Mozzecane – l’Amministrazione comunale ha firmato un accordo che prevede di ripristinare il sistema di videosorveglianza, di modo da poter inviare le immagini in tempo reale alla sala operativa della sede della Polizia locale di Castel d’Azzano, garantendo così una maggioresicurezza.

Il sistema di telecamere di Nogarole Rocca risale a quando la funzione di Polizia locale era assegnata all'Unione veronese Tartaro Tione, e perla vecchiaia dei dispositivi di trasmissione radio non funziona ed e? stato disattivato. Con questo nuovo accordo potrebbe tornare a nuova vita, a essere utilizzato. Il progetto prevede la realizzazione di cinque varchi elettronici che, situati in punti nevralgici della circolazione stradale dei cinque Comuni, rileveranno i transiti di tutti i veicoli, leggendone la targa e portando a termine una serie di analisi sull’auto finalizzate a risolvere casi di furto, di circolazione senza polizza assicurativa o revisione dell’autovettura. Il progetto si prefigge in questo modo di migliorare il livello di sicurezza nel territorio dei cinque Comuni aderenti alla convenzione. 

«Il bando regionale mette a disposizione dei fondi per potenziare gli impianti di videosorveglianza di questo tipo, anche in gestioni associate del servizio di Polizia locale, come il nostro caso. Speriamo di essere considerati meritevoli di un finanziamento – afferma Luca Trentini, vice sindaco del Comune – Noi abbiamo aderito al progetto perché riteniamo sia importante rinforzare una struttura già esistente, utilizzando le ultime tecnologie disponibili grazie alle quali sarà possibile leggere automaticamente le targhe – prosegue Trentini – Un intervento simile risponde all’esigenza di dover aumentare i controlli di sicurezza». Sono ormai numerose le statistiche che spiegano come siano in aumento le auto che circolano senza assicurazione, un pericolo in più per chi si mette in strada ogni giorno. «Noi vogliamo tutelare tutti – dichiara Trentini – La gente non deve circolare senza assicurazione, fatto che in caso di incidente complicherebbe di molto la situazione. Questo investimento va dunque nella direzione di sorvegliare, di controllare la strada e renderla più sicura per tutti».

I varchi oggetto di monitoraggio si troveranno in aree particolarmente affollate o congestionate nei paesi in questione. A Nogarole Rocca il punto individuato è nel centro abitato di Pradelle, lungo la statale 3, considerato strategico vista la presenza di una piazza deputata ad essere il centro di aggregazione sociale e politico del Comune, delle scuole elementari, della farmacia e di numerosi negozi ed esercizi di ristorazione. «La risposta della Regione dovrebbe arrivare dopo il rientro dalle ferie. La speranza è che il progetto venga finanziato; in questo caso la Regione parteciperebbe alla spesa per il 70%, mentre noi dovremo raccogliere la restante cifra necessaria. Le risorse sono poche, ma per progetti simili è sempre di fondamentale importanza riuscire a reperirle».