Poliziotta insultata a Verona arriva il sostegno dell'Associazione Nazionale Funzionari di Polizia

I colleghi promuovono l'operato della dirigente della Digos anche dal punto di vista tecnico.

Poliziotta insultata a Verona arriva il sostegno dell'Associazione Nazionale Funzionari di Polizia
Verona Città, 02 Aprile 2019 ore 09:24

Poliziotta insultata a Verona arriva il sostegno dell'Associazione Nazionale Funzionari di Polizia. I colleghi promuovono l'operato della dirigente della Digos anche dal punto di vista tecnico.

Poliziotta insultata a Verona arriva il sostegno dell'Associazione Nazionale Funzionari di Polizia

"La collega dirigente della Digos della questura di Verona, insultata da un provocatore durante i servizi di ordine pubblico per l'arrivo del ministro dell'Interno Matteo Salvini, non solo ha mostrato equilibrio e lucidità ma anche una grande capacità di valutare l'intero contesto e le sue possibili evoluzioni".

LEGGI ANCHE: QUI IL CONCITATO VIDEO E L’INSULTO FINALE ALLA POLIZIOTTA

"Ha fatto quello che bisognava fare"

E' quanto tiene a sottolineare il segretario nazionale dell'Anfp, Associazione Nazionale Funzionari di Polizia, Enzo Letizia. "Il contenimento, l'allontanamento, senza l'uso della forza, l'identificazione del soggetto per la successiva denuncia all'Autorità Giudiziaria era la cosa giusta da fare - osserva - La totale mancanza di rispetto delle regole, del vivere civile e l'arroganza nei confronti degli appartenenti alle forze di polizia, che ogni giorno nei servizi di ordine pubblico operano con impegno e diligenza per garantire il contemperamento tra la libera manifestazione del pensiero e gli altri diritti costituzionalmente garantiti, sono purtroppo assai frequenti".

LEGGI ANCHE: Poliziotta di Verona insultata Salvini le ha telefonato

"Orgogliosi di lei"

Per questo, spiega Enzo Letizia, "siamo orgogliosi della professionalità della collega di Verona, come di tutte quelle donne e uomini delle forze dell'ordine, che quotidianamente con fermezza gestiscono chi ritiene di poterli impunemente oltraggiare ed offendere durante lo svolgimento dei servizi per garantire la sicurezza del nostro Paese”.