Cronaca

Post razzisti contro la “tirolese nera” della Gerundium Fest

L'organizzatore Remonti: "Noi esterrefatti, non è concepibile che succedano queste cose".

Post razzisti contro la “tirolese nera” della Gerundium Fest
Cronaca Garda, 18 Agosto 2018 ore 14:15

Capita nel bergamasco, c'è chi non apprezza la cameriera ed esplode con post razzisti contro la “tirolese nera” della Gerundium Fest. L'organizzatore Remonti: "Noi esterrefatti, non è concepibile che succedano queste cose".

Addetta ai brezel della Gerundium Fest

La ragazza presa di mira è una delle storiche cameriere della festa, addetta ai brezel benefici acquistando i quali si può sostenere l’associazione “Paolo Belli”. “Ma mettetela una bella figliola bionda, che c’azzecca la tipa di colore?”, commenta un visitatore della pagina. “Accidenti, se pensate che sia razzista pensatelo pure ma avrei preferito vedere una bella in carne bionda, tipicamente del posto, tanto per rimanere in tema”, aggiunge un altro.

Leggi anche: Dora vuole cantare: “non puoi, sei di colore”

In molti a difesa della ragazza

Non sono peraltro mancati per fortuna gli interventi a difesa della ragazza. “Certi commenti collegati a questo post fanno capire il perché l’Italia è una terra meravigliosa e un brutto Paese. Meritiamo la nostra infausta situazione #medioevo” scrive un ragazzo.

L’associazione Gerundium Fest: “Siamo esterrefatti”

A prendere le distanze dai commenti razzisti è stata la stessa Gerundium Fest. “L’agenzia esterna che si occupa della nostra comunicazione ci ha subito segnalato l’accaduto e non possiamo che dirci esterrefatti” ha detto Leonardo Remonti, presidente dell’associazione che organizza la festa casiratese da ormai un ventennio. “Sono anni che questa ragazza lavora con noi, nel settore dei brezel, e peraltro non è l’unico elemento della squadra di colore. Abbiamo subito bloccato uno dei commentatori e stiamo valutando cosa fare con gli altri: il rischio è che commenti di questo genere continuino e che altri si aggiungano. Non è davvero concepibile che succedano queste cose”.

TORNA ALLA HOME