Bussolengo

Presa a calci e minacciata con un coltello dal marito davanti alla figlia, arrestato 30enne

Dopo i diversi casi di maltrattamento, la donna aveva chiesto la separazione ma il marito non l'aveva accettato.

Presa a calci e minacciata con un coltello dal marito davanti alla figlia, arrestato 30enne
Villafranca, 24 Settembre 2020 ore 14:34

La notte del 20 settembre 2020, i Carabinieri della Stazione di Bussolengo e della Compagnia di Intervento Operativo, hanno tratto in arresto D.M., un tunisino trentenne, residente a Bussolengo, per il reato di maltrattamenti in famiglia nei confronti di sua moglie S.S., ventenne di origini romene.

La richiesta di aiuto

In particolare, verso le 03.30 di quella notte, la Centrale Operativa dei Carabinieri di Peschiera del Garda riceveva una segnalazione da parte di un cittadino italiano residente a Bussolengo che riferiva di una violenta lite tra i coniugi vicini di casa; nella circostanza, aveva anche ricevuto un messaggio telefonico con il quale la vicina coinvolta chiedeva aiuto. Sul posto venivano quindi inviati i militari della Compagnia di Intervento Operativo che, in pochi minuti, raggiungevano l’abitazione in questione.

Evidenti le lesioni

Una volta all’interno, trovavano S.S. in lacrime che riferiva di essere stata picchiata e minacciata con un coltello da suo marito, D.M., anch’egli presente nell’appartamento. La donna, nel riferire della violenza e delle minacce subite, mostrava ai militari le lesioni che le erano state provocate dai calci e dai pugni ricevuti, in particolare un’evidente ferita sull’arcata sopraccigliare sinistra.
Nella circostanza la donna, probabilmente rassicurata dalla presenza dei militari, riferiva ulteriori particolari in merito all’accaduto e più precisamente sulla situazione che stava vivendo ormai da diversi mesi. Spiegava di essere sposata con D.M. da circa due anni e dal loro matrimonio, nel 2019, era nata una bambina. Tuttavia, dopo un primo periodo di convivenza trascorso più o meno tranquillamente, ne seguiva un altro buio e triste determinato dalle numerose aggressioni verbali e fisiche che la donna era costretta a subire anche alla presenza della figlia minore e che la avevano portata a chiedere la separazione da suo marito il quale, però, non accettava la fine del loro unione.

Un altro episodio ad agosto

Nella circostanza mostrava ai militari un referto medico dell’agosto scorso attestante le lesioni riportate a seguito di un analogo episodio; nel frattempo sopraggiungevano i sanitari del 118 che trasporavano la donna al pronto soccorso dell’ospedale di Bussolengo, dove le venivano diagnosticate lesioni giudicate guaribili in 10 giorni. Contestualmente l’uomo veniva condotto presso gli Uffici della Stazione dei Carabinieri di Bussolengo il cui personale, raccolti tutti gli elementi di interesse dai quali emergevano chiaramente le responsabilità di D.M., lo dichiarava in arresto.
L’uomo è stato poi tradotto alla casa Circondariale di Verona Montorio e, dopo la convalida dell’arresto, il G.I.P. del Tribunale di Verona ha disposto la sua scarcerazione e l’applicazione della misura cautelare del divieto di dimora nel comune di Bussolengo.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità