Profughi: da Mozzecane a Villafranca, Sindaci contro Prefettura

Faccioli: "Cooperative e privati si rendono disponibili all’accoglienza e alla collaborazione solo a fronte di un potenziale reddito"

Profughi: da Mozzecane a Villafranca, Sindaci contro Prefettura
Cronaca 08 Luglio 2016 ore 17:21

Faccioli: “Cooperative e privati si rendono disponibili all’accoglienza e alla collaborazione solo a fronte di un potenziale reddito”

Dopo Mozzecane, ora è la volta di Villafranca. E la motivazione è la stessa: essere arrivati a conoscenza dell’arrivo di extracomunitari senza aver interpellato o quanto meno aver avvisato l’amministrazione comunale.

Non solo, il fatto che cooperative e privati si rendano disponibili all’accoglienza e alla collaborazione solo a fronte di un potenziale reddito.

Il fatto lo aveva lanciato il sindaco di Mozzecane Tomas Piccinini la scorsa settimana, ora anche il sindaco di Villafranca Mario Faccioli gli fa seguito.

“Apprendo solo in data odierna – scrive Faccioli -, ore 11, dal dott. Tortorella che nella giornata di oggi dieci persone extracomunitarie verrebbero collocate in appartamenti di proprietà di una cooperativa, senza comunicare dove, ma anzi nascondendo all’Amministrazione indirizzo e luogo, e senza specificare in particolar modo se vi siano famiglie con figli minori. Spiace constatare le modalità con cui è stato comunicato l’intervento, che ritengo poco rispettose nei confronti dell’Amministrazione che rappresento; avrei voluto che il provvedimento venisse condiviso parlandone prima con l’Amministrazione comunale”.

“Ritengo che questo modo di fare – continua – il primo cittadino di Villafranca – sia in contrasto con i principi di collaborazione, di dialogo e di rispetto nei confronti di una comunità. Per di più siamo stati diffidati dall’avvicinarci e dal ricercare il luogo dove vengono inserite queste persone. In tutto questo, trovo altrettanto grave che cooperative e privati si rendano disponibili all’accoglienza e alla collaborazione solo a fronte di un potenziale reddito. Considerato che nel protrarsi di questa settimana ho dovuto dissuadere cittadini che, a causa della perdita del lavoro, sono stati sfrattati, non riescono a pagare l’affitto e hanno minacciato di darsi fuoco, ognuno con famiglia e figli, trovo indegno che queste persone non abbiano le stesse attenzioni. Visto il numero consistente di famiglie sottoposte a sfratti e di bisogni sociali collegati che interessano il comune di Villafranca in questo momento economico difficile, farò tutto ciò che è necessario perché venga garantito il diritto costituzionale dei cittadini villafranchesi di vedere rispettato il diritto alla casa e il diritto a sostenere una famiglia dopo anni di lavoro. Invito pertanto il Prefetto a farsi portavoce presso il Governo di questi problemi sociali, gravi e difficili, che ogni giorno i Comuni si trovano a dover affrontare”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità