Punto Salute arriva il nuovo poliambulatorio a Lugagnano di Sona

L’obiettivo: rispondere con ascolto e sguardo globali ai bisogni delle persone.

Punto Salute arriva il nuovo poliambulatorio a Lugagnano di Sona
Est Veronese, 27 Settembre 2019 ore 16:52

Punto Salute arriva il nuovo poliambulatorio a Lugagnano di Sona.

Punto Salute arriva il nuovo poliambulatorio

La salute è un bene comune che dev’essere tutelato e promosso. Questo è il valore a caposaldo di “Punto Salute”, il nuovo poliambulatorio a Lugagnano di Sona situato in via Manzoni 15, presso il centro polifunzionale, che sabato 28 settembre alle 11 apre le porte a tutta la cittadinanza. Si tratta di un Open Day durante il quale sarà possibile visitarne gli spazi (completamente ristrutturati e accessibili), dove si potranno incontrare i professionisti dell’équipe medica e sanitaria e conoscere anche i percorsi di cura e riabilitazione. Per l’occasione interverranno Linda Croce, presidente della cooperativa sociale Azalea, che gestisce “Punto Salute”, il sindaco del Comune di Sona Gianluigi Mazzi e l’assessore ai Servizi sociali Elena Catalano, il direttore sanitario dottor Ermanno Motta.

Un progetto di salute

“Punto Salute” non è solo un poliambulatorio, è proprio un progetto di salute. Così l’ha voluto Azalea, cooperativa sociale di Pescantina, una delle più significative del veronese, attiva da oltre 25 anni nella gestione di servizi educativi, sociali e sociosanitari. L’obiettivo è infatti rispondere con un ascolto e uno sguardo globali ai bisogni delle persone e delle famiglie, grazie al lavoro di équipe multidisciplinari. Ben quattordici le specialità mediche (cardiologia, ortopedia, ginecologia, diabetologia, fisiatria, pediatria, otorinolaringoiatria, geriatria, oculistica, chirurgia vascolare, pneumologia, medicina interna, dermatologia e fitoterapia), otto le sociosanitarie (fisioterapia, podologia, psicologia clinica e psicoterapia, logopedia, psicologia dell’età evolutiva, dietetica, massoterapia e psicomotricità), infine gli esami diagnostici: ecografie, ecocardiogramma, ecocolordoppler, elettrocardiogramma e spirometria.

Numerose le iniziative di orientamento

A caratterizzare il poliambulatorio, oltre ai tradizionali percorsi di diagnosi e cura, sono le iniziative di orientamento e informazione gratuite, in collaborazione con enti e associazioni locali (prevenzione delle malattie croniche e oncologiche, autismo, disturbi dell’apprendimento, malattie del decadimento cognitivo, allattamento,…), con l’obiettivo di favorire stili di vita sani e consapevoli in un’ottica di promozione della salute della persona e della comunità. Ha da poco preso il via lo sportello di patronato, in collaborazione con Acli Verona, per fornire assistenza gratuita nelle pratiche di previdenza sociale, tutela della salute e dei diritti del cittadino. È inoltre proposta una consulenza medica personalizzata, sempre a titolo gratuito, per aiutare le persone a orientarsi nella rete dei servizi sanitari pubblici, come assistenza domiciliare, casa di riposo, visita delle commissioni mediche per ottenere il riconoscimento di invalidità civile, permessi lavorativi retribuiti (legge 104) e valutazione relativa alle liste di collocamento lavorativo mirato. Per andare incontro alle esigenze di tutti, in particolari situazioni e su richiesta, alcune prestazioni sanitarie potranno essere erogate anche a domicilio. Inoltre, sempre su richiesta, è attivo un servizio di trasporto sociale gratuito casa-poliambulatorio. Anche ai bambini è riservata un’importante attenzione: a loro è dedicata un’area interna allestita con giochi e per l’allattamento dei più piccoli, all’esterno un ampio parco giochi.

L’esperienza di oltre 480 soci

La cooperativa sociale Azalea conta 480 soci (ordinari e volontari), ha all’attivo 70 servizi sul territorio e vede destinatari dei suoi servizi e progetti oltre 20mila cittadini. I servizi dell’area “cure primarie” rispondono ai bisogni sanitari primari delle persone, erogati sia a enti pubblici che privati, fornendo assistenza sanitaria, infermieristica e fisioterapica in strutture o a domicilio. Alla base di questa filiera un’idea di cura che crea le condizioni per un superamento, laddove è possibile, di una logica riparatoria e puramente assistenziale a favore di una preventiva e proattiva, ovvero capace di leggere i bisogni e di intervenire con progetti mirati, flessibili e quanto più partecipati.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità