Cronaca
Verona

Pusher sorpreso nei pressi del Sert, alla vista dei Carabinieri tenta di disfarsi della droga

Nel suo zaino sono stati rinvenuti anche 14 telefoni cellulari, evidentemente utilizzati per contattare i diversi acquirenti e fornitori.

Pusher sorpreso nei pressi del Sert, alla vista dei Carabinieri tenta di disfarsi della droga
Cronaca Verona Città, 18 Febbraio 2021 ore 16:09

I carabinieri della stazione di San Massimo, durante il quotidiano servizio di controllo del territorio volto, tra le altre cose, alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno individuato e controllato un tunisino classe 77, nei pressi del SERT, luogo che vede purtroppo molto spesso il riunirsi di spacciatori che, senza scrupoli, vendono droga a coloro i quali sono lì per disintossicarsi.

Ha tentato di disfarsi della droga

Il tunisino, già noto alle forze dell’ordine poiché pregiudicato per reati inerenti gli stupefacenti, chiacchierava in via Tevere con un connazionale, intorno alle 16 di ieri pomeriggio, mercoledì 17 febbraio 2021.

L’uomo, alla vista dei militari, ha provato a disfarsi di qualcosa, ma è stato prontamente raggiunto dai Carabinieri, ai quali è parso agitato e nervoso, tanto da indurli a comprenderne la ragione: a seguito di perquisizione, sono stati infatti rinvenuti sulla sua persona ben 30 grammi di eroina, suddivisi in 39 dosi, e 320 euro in contanti.

L’uomo, senza fissa dimora e nullafacente, è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
Questa mattina, giovedì 18 febbraio 2021, è comparso dinanzi al giudice per il rito direttissimo: arresto convalidato, disposto il divieto di dimora nella provincia di Verona.

Per di più, gli uomini dell’Arma hanno denunciato lo spacciatore per ricettazione: nel suo zaino infatti, sono stati rinvenuti ben 14 telefoni cellulari, evidentemente utilizzati per contattare i diversi acquirenti e fornitori, e 2 iPad.