Il reggae è patrimonio Unesco, in Veneto hanno fatto scuola i mitici Pitura Freska

La musica di origine giamicana è entrata a far parte dei tesori culturali globali delle Nazioni Unite.

Il reggae è patrimonio Unesco, in Veneto hanno fatto scuola i mitici Pitura Freska
Verona Città, 29 Novembre 2018 ore 15:06

Il reggae in Veneto

Anche il Veneto ha avuto una sua tradizione reggae. Come non ricordare, infatti, i Pitura Freska, storico gruppo veneziano divenuto famosissimo in tutta Italia grazie a singoli come "Crudele" e "Papa Nero". Il primo successo dei Pitura Freska, Pin Floi, risale al 1989 e fu inserito nell'audiocassetta "Ossigeno", distribuita ai concerti del gruppo e in qualche negozio del Veneto, prima di realizzare il primo album ufficiale "Na Bruta Banda" del 1991. Nel 1993 esce in tutta Italia Duri i banchi, un album che comprende, tra le altre, alcune delle canzoni più note: Picinin, Ara che ben, La pianta e altre già note ai fans di lunga data, ma prima d'ora mai pubblicate ufficialmente. Il grande successo arriva nel biennio 1996-1997, in primis il singolo "Crudele" del 1996 risulta come il tormentone estivo e quando il nuovo album, Gran calma, ottiene un notevole successo discografico, grazie a Ridicoli e soprattutto a Papa nero, presentata al Festival di Sanremo 1997. L'ultimo singolo della band è stato un remix di "Le sorti de un pianeta" in beneficenza per Emergency, uscito nel 2001.