Restituito il controfagotto rubato in Arena durante il concerto di Morricone

Questa mattina l’ingombrante strumento è stato letteralmente riabbracciato dal legittimo proprietario, il professor Alessandro Verrecchia.

Restituito il controfagotto rubato in Arena durante il concerto di Morricone
Verona Città, 29 Maggio 2019 ore 19:36

Ha trovato il lieto fine la storia del controfagotto rubato dall’Arena dopo il concerto di Ennio Morricone di domenica 19 maggio.

L'incredulità del prof. Verrecchia

Questa mattina l’ingombrante strumento è stato letteralmente riabbracciato dal legittimo proprietario, il professor Alessandro Verrecchia, docente al conservatorio Santa Cecilia a Roma, che è tornato in possesso del prezioso strumento. Tanta la gioia del musicista che, incurante della stampa, si è seduto nella prima sedia disponibile e ha cominciato a soffiare nella punta dell’ancia, per un fuoriprogramma musicale che ha allietato gli uffici del Comando. Proprio qui, infatti, è avvenuta la consegna dello strumento, per mano del Comandante Luigi Altamura. Come già riportato sulla stampa nei giorni scorsi, il controfagotto era sparito da due giorni, dopo essere stato depositato a fine concerto in uno spazio apposito dell’Arena. Doveva essere riconsegnato la mattina seguente a Roma da una ditta specializzata nel trasporto di strumenti musicali fuori misura, ma nella capitale non è mai arrivato.

musicista_suona_strumento
Foto 1 di 4
controfagotto_foto
Foto 2 di 4
biglietto_strumeto_smarrito
Foto 3 di 4
Restituito il controfagotto rubato in Arena durante il concerto di Morricone
Foto 4 di 4

Lo strumento accompagnato da un biglietto

Dopo alcune verifiche da parte del professor Verrecchia, è scattata subito la denuncia ai Carabinieri, fino alla svolta di questi giorni, quando lo strumento è stato lasciato davanti all’ufficio oggetti smarrito del Comune, che era chiuso, accompagnato da un biglietto che indicava il nome del proprietario. Per il professore Verrecchia sono stati i giorni più lunghi della sua vita, in cui ha temuto di perdere il frutto di tanti anni di sacrifici, quelli che gli hanno permesso di mettere da parte i 40 mila euro necessari ad acquistare il proprio controfagotto. Se questa vicenda può dirsi felicemente conclusa, resta ancora aperto invece il fronte delle indagini.

"Indagini in corso"

“C’è un’attività di indagine in corso – conferma il Comandante Altamura -, perché non è verosimile che uno strumento cosi particolare e ingombrante sparisca per sbaglio. Come non è verosimile che sia stato ritrovato per caso vicino ad un cassonetto delle immondizie. Non solo, perché dopo il concerto gli strumenti sono stati depositati in uno spazio che non è accessibile a tutti, se non agli addetti ai lavori. Questi elementi e le immagini delle telecamere ci porteranno presto ad individuare il colpevole”.

Seguici sui nostri canali