Cronaca
Lazise

Ruba una e-bike e tenta di sottrarsi al controllo dei Carabinieri con calci e pugni

Una volta immobilizzato, veniva fatto salire a bordo dell’auto di servizio e condotto presso la Caserma di Lazise per la sua identificazione e la redazione degli atti relativi al suo arresto.

Ruba una e-bike e tenta di sottrarsi al controllo dei Carabinieri con calci e pugni
Cronaca Garda, 06 Ottobre 2021 ore 18:32

Nel pomeriggio di ieri martedì 5 ottobre 2021, i Carabinieri della Stazione di Lazise, unitamente a quelli del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Peschiera del Garda, hanno tratto in arresto M.M., un quarantacinquenne residente nella provincia di Verona, per resistenza a Pubblico Ufficiale e furto aggravato.

Ruba una e-bike e tenta di sottrarsi al controllo dei Carabinieri con calci e pugni

I militari, nel percorrere la Via Del Molinel di Lazise, avevano modo di notare un ciclista che alla vista delle loro auto con i colori di Istituto, lanciava qualcosa oltre le mura del parco termale “Villa dei Cedri” e, quindi, insospettiti da questo comportamento, procedevano al suo controllo accertando, contestualmente, che l’oggetto lanciato era una tronchesina.
Nella circostanza il ciclista si dimenava spintonando i militari per sottrarsi alla loro presa e tentare di fuggire colpendo uno di essi con calci e pugni senza, fortunatamente, procurargli alcuna lesione.

Una volta immobilizzato, veniva fatto salire a bordo dell’auto di servizio e condotto presso la Caserma di Lazise per la sua identificazione e la redazione degli atti relativi al suo arresto. Nel corso degli immediati accertamenti, emergeva altresì come lo stesso fosse un pregiudicato per reati contro il patrimonio ed in particolar modo per furti di biciclette d’ingente valore, come quella sulla quale era alla guida nel momento in cui era stato fermato, precisamente un E-BIKE marca KTB modello Macina Lycan 274 del valore di euro 4.500, di cui in un primo momento non sapeva giustificarne il possesso e riferendo, soltanto dopo una incessante opera di persuasione da parte dei militari, l’orario ed il luogo del centro di Lazise da dove l’aveva presa, dichiarando di averla rubata.

E' stato arrestato

I Carabinieri, quindi, grazie alla rapida acquisizione e visione delle immagini registrate dal sistema di videosorveglianza presente nel comune Lazise, appuravano che la biciletta in parola era stata rubata effettivamente dalla persona fermata che aveva reciso con la tronchesina la catena con la quale era stata assicurata alla rastrelliera posta in Via Rosenheim di Lazise.
Poco più tardi il velocipede veniva riconsegnato al legittimo proprietario il quale si era presentato in caserma per sporgere la denuncia di furto.

M.M. veniva dichiarato in arresto e condotto presso il carcere di Verona Montorio in attesa di essere giudicato con il rito direttissimo fissato per la mattinata odierna, come disposto dal Pubblico Ministero di turno della Procura della Repubblica di Verona.
All’esito della udienza di convalida dell’arresto il Giudice ha disposto la custodia cautelare in Carcere del quarantacinquenne rinviando l’udienza ad altra data