A San Martino Buon Albergo

Salma recuperata dal fiume Adige, potrebbe essere il giovane disperso lo scorso 19 maggio 2024

Il corpo è stata rinvenuto nel primo pomeriggio di ieri, martedì 21 maggio 2024, nei pressi dello sgrigliatore del fiume

Salma recuperata dal fiume Adige, potrebbe essere il giovane disperso lo scorso 19 maggio 2024
Pubblicato:

Ieri, 21 maggio 2024, i Vigili del Fuoco hanno trovato un corpo nei pressi del fiume Adige a San Martino Buon Albergo. La salma potrebbe appartenere ad un giovane scomparso lo scorso 19 maggio insieme ad un amico, quest'ultimo trovato purtroppo senza vita nel canale Camuzzoni a Verona.

(Immagine di copertina: ricerche del disperso lungo il Camuzzoni, Verona)

Salma recuperata dall'Adige, potrebbe essere il giovane disperso il 19 maggio

Alle 15 circa di martedì 21 maggio 2024 un cadavere è stato recuperato dai Vigili del fuoco presso lo sgrigliatore del fiume Adige nel comune di San Martino Buon Albergo.

La salma è stata, poi, messa a disposizione dell'Autorità Giudiziaria per il riconoscimento. L'ipotesi è che potrebbe trattarsi del giovane disperso da domenica 19 maggio 2024.

Il ragazzo era finito nel corso d'acqua artificiale del canale Camuzzoni a Verona insieme ad un amico, trovato purtroppo senza vita.

Con loro c'era anche una terza persona, un 27enne di origini marocchine, il quale aveva tentato, ma senza successo, di mettere in salvo i due malcapitati.

In ogni caso, le generalità del corpo ritrovato restano al momento sconosciute.

18enne muore annegato nel canale Camuzzoni, disperso l'amico

La tragedia si è consumata la scorsa domenica 19 maggio 2024, quando nel canale artificiale Camuzzoni a Verona era stato trovato il corpo di un giovane straniero. 

La vittima, Abdoul Badiou Inuoa 18 anni originario del Benin, era finito in acqua con un altro ragazzo nei pressi delle griglie del Basso Acquar.

Abdoul Badiou Inuoa

A dare l'allarme un 27enne marocchino che, sentite le urla, si era tuffato nel tentativo di aiutare i due malcapitati. Tuttavia, era poi risalito sulla terraferma a causa della troppa corrente.

Le ricerche del disperso proseguono.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali