San Bonifacio, in 74 perquisiti dalla polizia

Controlli a tappeto, 20 di queste sono risultate essere persone con numerosi precedenti penali

San Bonifacio, in 74 perquisiti dalla polizia
Cronaca 02 Dicembre 2017 ore 16:08

Controlli a tappeto, 20 di queste sono risultate essere persone con numerosi precedenti penali

Dopo Legnago, la Polizia di Stato arriva anche a San Bonifacio dove, ieri sera, a partire dalle ore 19,00 e fino alle successive ore della notte, una nutrita task force di poliziotti ha passato al setaccio luoghi, vie, piazze, bar, aree di parcheggio, ha fermato e controllato autovetture in uscita ed entrata dal casello autostradale di Soave – San Bonifacio.

Un’azione serrata di controllo del territorio che, come già avvenuto a Legnago e come proseguirà in alternanza con l’Arma dei Carabinieri, mira a garantire maggiore sicurezza alla popolazione di questi Comuni, interessati da oltre un mese dal ripetersi di episodi di furti e rapine.

Il Questore Petricca, dando attuazione alle determinazioni del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, ha disposto questi servizi in ambito provinciale quale risposta pronta ed efficace, a garanzia della sicurezza pubblica e contro ogni forma di illegalità. Nel mirino dei controlli straordinari di prevenzione e sicurezza nel Comune di San Bonifacio, svolti dagli agenti della Squadra Mobile, Polizia Amministrativa e dell’Immigrazione, unitamente ai colleghi dei Reparti di Prevenzione Crimine del Veneto, sono finite 74 persone, le quali sono state compiutamente controllate ed identificate.

Di queste 20 sono risultate essere persone con numerosi precedenti penali (pregiudicati) e di polizia (denunciati all’autorità giudiziaria). A finire nel mirino dei controlli anche la stazione ferroviaria, ricettacolo di persone senza fissa dimora. Scrupolosi controlli sono stati effettuati in 5 esercizi pubblici della cittadina; in uno di essi gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato tre grammi di cocaina e sei grammi di hashish; verosimilmente le due distinte dosi sono state gettate a terra da qualche avventore all’arrivo dei poliziotti.

In uno dei bar i poliziotti dell’amministrativa hanno proceduto al sequestro di 3 macchine da gioco abusivamente detenute e funzionanti.