Verona

Sboarina: “La parte della città antica sarà presidiata, vietate le passeggiate”

Saranno posizionati dei pannelli a messaggio variabile per avvisare i cittadini.

Sboarina: “La parte della città antica sarà presidiata, vietate le passeggiate”
Verona Città, 13 Novembre 2020 ore 14:54

Modificata l’ordinanza antiassembramento.

Riallineamento

Il sindaco di Verona, Federico Sboarina nella giornata di oggi, venerdì 13 novembre 2020 ha reso note alcune modifiche che sono state apportate all’ordinanza antiassembramento della città. Saranno 17 i punti presidiati dalla Polizia locale per monitorare l’ingresso delle persone al centro storico. Gli agenti, dalle 8 alle 20, controlleranno tutti i 7 ponti di accesso all’ansa dell’Adige. Altre 6 le postazioni tra Castelvecchio, via Roma, piazza Bra e via Pallone, una alle spalle dell’Arena, un’altra in piazza Erbe, e poi a Porta Leoni e a Porta Borsari. In ottemperanza alla nuova ordinanza regionale, in vigore dalla mezzanotte di oggi, l’attività motoria, quella sportiva e le passeggiate sono consentite solo in aree verdi e periferiche, al di fuori di strade e piazze dei centri storici. Nello specifico il primo cittadino ha spiegato:

“Abbiamo individuato l’area della città antica, che va da Castelvecchio fino a ponte Aleardi, zona che rappresenta un maggiore affollamento nel week end. In questa area non sarà permesso passeggiare e sarà inoltre presidiata nei vari punti di accesso Si tratta nello specifico di un piano che sarà operativo dalle 8 alle 20, ma il divieto permane h24, sette giorni su sette . E’ di tutta evidenza, che faremo dei controlli nelle giornate di sabato e domenica, oggettivamente durante la settimana non si creano problemi di affollamento, in ogni caso anche durante settimana ci saranno dei controlli in modo dinamico nella città antica”.

Appello al buon senso

Il sindaco Sboarina ha inoltre puntualizzato:

“L’ordinanza si riferisce alla parte della città con maggiori affollamenti registrati negli ultimi week end. La Polizia Locale e le forze dell’ordine non dovrebbero certificare presenze di tante persone, il tema è che lo dico ogni giorno, la responsabilità di ognuno è quella di non andare in quelle aree che prevedono un divieto specifico. Il principio base di tutto è che dobbiamo fare attenzione, evitare luoghi dove si generano affollamenti, dobbiamo tenere sempre la mascherina e uscire il meno possibile. Ricordo che vige il divieto di assembramento, non è che uno pensa che la città antica è presidiata allora il resto della città è zona franca! I controlli e interventi si faranno comunque, serve buon senso”.

Negozi e bar

Il sindaco ha ricordato che il sabato i ristoranti, bar e negozi sono aperti quindi si può accedere negli esercizi commerciali ma ciò non dev’essere la scusante per poter uscire, bisogna muoversi solo se c’è la reale necessità. La domenica invece i negozi sono chiusi. Sboarina ha affermato:

“Per completezza ricordo che i bar e i ristoranti devono chiudere alle 18 però vige anche la regola che dalle 15 alle 18 si può consumare solo al tavolo”

Per quanto riguarda i mercati…

Il primo cittadino ha spiegato:

“L’ordinanza che andrò a firmare nel pomeriggio integrerà il piano già realizzato per l’accesso dei mercati. Domani, per il mercato dello Stadio i banchi alimentari saranno disposti nel parcheggio vicino alla Sala Lucchi e sarà prevista un’entrata e un’uscita. Gli altri banchi saranno invece suddivisi in tre ‘tecche’, saranno posizionati su tre dei quattro lati del Bentegodi, anche in questo caso ci saranno tre ingressi e tre uscite diverse. Ci saranno inoltre 20 steward e 12 agenti posizionati per garantire il distanziamento e il rispetto delle regole. L’altro mercato da affrontare è quello di piazza Erbe, qui la situazione più complessa perché c’è tutti i giorni. Le categorie stanno lavorando per trovare il modo corretto per garantire un ingresso e un’uscita, per quanto riguarda la domenica resteranno aperti solo i quattro banchi di frutta e verdura”.

La segnaletica

L’assessore Luca Zanotto ha inoltre precisato che ci saranno dei pannelli per ricordare e avvisare i cittadini che provengono dai quartieri o da altri Comuni della Provincia, dell’esistenza dell’ordinanza:

“Abbiamo predisposto la presenza di pannelli a messaggio variabile per creare un’occasione in più di informazione per i cittadini che vengono dai quartieri o fuori Comune. Alcuni saranno messi anche in autostrada, nelle circoscrizioni, sulle tangenziali e anche a Porta Nuova. I messaggi sono ‘Allerta Covid Comune Verona, passeggio centro vietato’”.

LEGGI ANCHE: Covid, Zaia: “Ordinanza? Evitate di fare i furbi” | +3.605 positivi | Dati 13 novembre 2020

TI POTREBBE INTERESSARE: Denunciato il centesimo conducente ubriaco a Verona, ha danneggiato quattro veicoli in sosta

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità