Cronaca
Verona

Sboarina: "Vivai aperti, sfruttiamo la consegna a domicilio"

L’invito per gli imprenditori è quello di organizzarsi con le consegne a domicilio

Sboarina: "Vivai aperti, sfruttiamo la consegna a domicilio"
Cronaca Verona Città, 31 Marzo 2020 ore 17:45

Secondo le ultime indicazioni del Governo, viene data la possibilità ai florovivaisti di tenere aperto, anche se l’acquisto di una pianta o di un fiore non rientra tra le urgenze e necessità che consentono ai cittadini di uscire e spostarsi.

La possibilità di sfruttare la consegna a domicilio

Per venire incontro alle esigenze dei vivai, che commercializzano un prodotto temporaneo che adesso avrebbe la sua maggiore forza di vendita, e per consentire alla filiera di produrre e andare avanti, l’invito per gli imprenditori è quello di organizzarsi con le consegne a domicilio e per i cittadini di sfruttare questa opportunità, in modo da non uscire di casa per un acquisto che non è indispensabile.

Il sindaco di Verona, Federico Sboarina ha affermato:

“Abbiamo cambiato i nostri comportamenti, adeguandoci al momento e alla sfida che siamo chiamati ad affrontare. Stiamo dimostrando di essere capaci di usare schemi nuovi per continuare a produrre e commercializzare, per consentire alle nostre attività di non fermarsi ma soprattutto ai cittadini di restare in casa e non uscire se non per necessità".

Sconfiggere il "nemico invisibile"

Il sindaco di Verona inoltre Sboarina ha affermato:

"Abbiamo un nemico invisibile da combattere, ognuno deve fare la propria parte. Ecco perché sono inaccettabili le situazioni segnalate dai lavoratori dei supermercati, così come dai residenti. Prima fare la spesa o portare fuori il cane erano incombenze, quasi un peso, adesso c’è chi se ne approfitta, mettendo a rischio la salute degli altri. Mi sono arrivate foto di persone che escono con l’animale domestico per incontrare gente e fermarsi per strada. Questo è inammissibile, una mancanza di rispetto nei confronti di chi si sta sacrificando e chi è impegnato in prima linea ad affrontare questa grave emergenza. Noi facciamo tutto il possibile ma è necessario che le persone capiscano quanto ogni loro comportamento può influire. C’è una macchina organizzativa importante che funziona grazie anche al contributo di tutti gli assessori, che ringrazio perchè, al di là delle loro specifiche deleghe, sono operativi su diversi fronti. Uno è sicuramente quello della distribuzione delle mascherine della Regione. Stiamo per finire le consegne, se qualche appartamento è stato saltato, segnalatelo e provvederemo a tornare. Ma nessuno se ne approfitti per farsi le scorte”.