Verona

Scoperta una serra di marijuana in cantina: denunciato un 24enne

Trovati due vasi contenenti piante di marijuana, una lampada alogena, un ventilatore ed un igrometro digitale.

Scoperta una serra di marijuana in cantina: denunciato un 24enne
Verona Città, 02 Settembre 2020 ore 15:52

Aveva arrangiato, all’interno di uno scantinato, una coltivazione di marijuana.

Avvisati dal proprietario

Ad allertare gli agenti della Questura il proprietario della cantina stessa, insospettito dalla confidenza fattagli da un condomino del pertinente stabile che sosteneva di aver notato la luce nel suo seminterrato perennemente accesa. È stato così che i poliziotti, raggiunto il palazzo di via Cristofoli, una volta aperto il lucchetto che assicurava l’ingresso al locale, si sono trovati davanti ad una vera e propria serra artigianale.

Trovati due vasi

Due vasi contenenti piante di marijuana, una lampada alogena, un ventilatore ed un igrometro digitale utilizzato per monitorare la temperatura e il grado di umidità del terreno all’interno dei vasi: tutto il necessario, insomma, per assicurare le condizioni climatiche favorevoli allo sviluppo delle infiorescenze.
Ignaro di cosa stesse accadendo all’interno del locale di sua proprietà, il segnalante ha confessato ai poliziotti di aver acquistato, circa tre anni addietro, un appartamento in quel condominio, comprensivo di due posti auto e cantina, ma di non averli mai utilizzati in quanto tutti da ristrutturare.

È stato denunciato

Il caso ha voluto che, proprio in quel momento, mentre gli agenti delle Volanti raccoglievano le dichiarazioni dei presenti, giungesse sul posto il “responsabile” della coltivazione illegale – ventiquattrenne nato a Vicenza ma residente a Verona – che, dopo aver dapprima negato ogni responsabilità, ha poi ammesso di essersi recato li per prendersi cura delle due piante.
Il soggetto è stato, pertanto, denunciato per produzione di sostanza stupefacente.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità