Verona

Serrande abbassate per 15 giorni al “Caffè Dolce Amaro” dopo gli episodi di risse e molestie

E' stata prevista la sospensione, per giorni 15, della licenza per la somministrazione di alimenti e bevande.

Serrande abbassate per 15 giorni al “Caffè Dolce Amaro” dopo gli episodi di risse e molestie
Verona Città, 30 Giugno 2020 ore 15:52

La decisione a seguito delle numerose risse.

Sospensione dell’attività

Il questore di Verona Ivana Petricca ha decretato la sospensione, per giorni 15, della licenza per la somministrazione di alimenti e bevande al Caffè Dolce Amaro”, ubicato in via Caccia, a norma dell’art. 100 del T.U.L.P.S., ovvero per motivi di ordine e sicurezza pubblica e con la finalità d’impedire il protrarsi di una situazione di pericolosità sociale. La sospensione si è resa necessaria, a partire da oggi, martedì 30 giugno 2020 a seguito dei numerosi interventi, a partire dl 22 settembre 2019 fino a quello ultimo di martedì 23 giugno c.a., che gli agenti delle Volanti della Questura, hanno effettuato presso il menzionato locale; si tratta di un’escalation di episodi dalle risse alle liti tra persone in stato di ubriachezza, da casi di molestie a quelli ripetuti di disturbo alla quiete pubblica.

Abituale presenza di soggetti con precedenti penali

In tutte le circostanze, è stata altresì accertata l’abituale presenza di numerosi soggetti con precedenti penali e di polizia. A tale ultimo riguardo, la ratio del provvedimento risiede anche nello scopo di dissuadere e privare per qualche tempo soggetti indesiderati, perché pericolosi, pregiudicati o con precedenti di polizia, di un luogo abituale di aggregazione e avvertirli della circostanza che la loro presenza presso quel locale è oggetto di particolare attenzione da parte dell’Autorità.

L’apposizione dei sigilli

Ad eseguire il provvedimento, alle ore 11 di oggi, i poliziotti della Divisone di Polizia Amministrativa congiuntamente agli agenti delle Volanti della Questura, con l’apposizione dei sigilli e la chiusura temporanea dell’attività dell’esercizio pubblico, così come le fotografie e le immagini inviate documentano. Il gestore nonché titolare della licenza è stato informato che l’attuale prima sospensione, nelle ipotesi di ripetizione dei fatti già accertati, può determinare una seconda più grave interruzione dell’attività, fino alla eventuale revoca della licenza.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità