Soccorso in grotta – FOTO

Esercitazione congiunta in Slovenia alla massima profondità assoluta. Le squadre italiane hanno operato prevalentemente in profondità.

Soccorso in grotta – FOTO
Verona Città, 03 Ottobre 2018 ore 16:26

Soccorso in grotta. Esercitazione congiunta in Slovenia alla massima profondità assoluta.

Esercitazione congiunta

L’ultimo fine settimana di settembre, da giovedì 27 a sabato 29, i tecnici della VI Delegazione speleologica hanno partecipato a un’esercitazione congiunta in Slovenia, nell’abisso Skalarja, una grotta nel massiccio del Canin sloveno profonda 950 metri.

Alle operazioni hanno partecipato speleologi italiani provenienti da Veneto e Friuli Venezia Giulia, sloveni, ungheresi, serbi, bosniaci, macedoni, bulgari per un totale di circa cento volontari.

La prima volta

Le squadre italiane hanno operato prevalentemente in profondità, occupandosi del recupero della barella da quota – 900 a quota – 230 metri. Si tratta dell’esercitazione alla massima profondità mai svolta dalle strutture di soccorso speleologico in tutto il mondo.

Sistema italiano

Durante l’esercitazione è stato messo alla prova il cosiddetto ‘sistema italiano’, un paradigma gestionale centrato sull’alternanza di squadre che si succedono durante le operazioni; particolare risalto è stato dato all’impiego di configurazioni alleggerite e rapide, con lo scopo di velocizzare al massimo le operazioni; tali configurazioni esigono elevato expertise da parte di tutte le squadre.

L’operazione nel dettaglio

Il recupero della barella è iniziato alle 15 di giovedì e le squadre italiane (con presenza di tecnici sloveni) hanno trasportato il ferito fino a -230 la sera di venerdì. Il giorno successivo una squadra mista di speleologi delle altre nazionalità si è occupata del tratto di abisso rimanente, fino all’uscita. La barella è stata trasportata fuori la sera di sabato.

5 foto Sfoglia la gallery

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità