Cronaca
Rivoli Veronese

Sorpresi a rubare materiale in un capannone di un'azienda fallita: arrestati 3 uomini

Il curatore fallimentare aveva già segnalato alcune incursioni avvenute nel periodo natalizio.

Sorpresi a rubare materiale in un capannone di un'azienda fallita: arrestati 3 uomini
Cronaca Valpolicella, 03 Febbraio 2022 ore 12:38

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Caprino Veronese hanno tratto in arresto tre uomini sorpresi ad asportare materiale ferroso e attrezzature per l’edilizia stradale da una azienda di Rivoli Veronese.

Sorpresi a rubare materiale in un capannone di un'azienda fallita

I tre, un italiano e due stranieri, tutti residenti in provincia di Brescia, intorno all’ora di pranzo di martedì stavano caricando su un furgone materiali tecnici, pali e centine in ferro accatastati all’interno di un capannone industriale ove operava, fino a qualche mese fa, una azienda ora dichiarata fallita.

Il curatore fallimentare aveva già segnalato alcune incursioni avvenute nel periodo natalizio, motivo per il quale i Carabinieri di Caprino Veronese avevano aumentato la frequenza dei passaggi presso quell’obiettivo, nel tentativo di impedire ulteriori furti. Così martedì, notando il furgone all’interno dell’area industriale, i militari dell’Aliquota Radiomobile non hanno avuto dubbi e sono intervenuti, cogliendo nella flagranza di reato i tre uomini che stavano ultimando di caricare il mezzo.

Essendo gravati da precedenti specifici, i tre soggetti sono stati tratti in arresto dandone comunicazione al PM di turno presso la Procura della Repubblica di Verona, Dott. Gennaro Ottaviano, che ha disposto di trattenere in camera di sicurezza gli arrestati in attesa dell’udienza con rito direttissimo presso il Tribunale di Verona programmata in data odierna.
Questa mattina, il Giudice, Dott.ssa Valentina Fabiani, ha convalidato l’arresto disponendo la custodia cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria nei rispettivi comuni di residenza nel bresciano, rinviando il processo alla prossima udienza.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter