Sul territorio

Sovraffollamento sugli autobus, Bettarello: “Operativi ulteriori rinforzi nei punti critici della rete”

In ambito extraurbano, all'interno della fascia oraria scolastica si notano picchi di utenza su singole corse mentre quelle precedenti sono quasi vuote.

Sovraffollamento sugli autobus, Bettarello: “Operativi ulteriori rinforzi nei punti critici della rete”
Verona Città, 18 Settembre 2020 ore 11:38

Criticità per la capienza degli autobus.

Alcune corse eccessivamente affollate

Dopo i primi giorni di operatività del servizio invernale, in coincidenza con l’inizio delle lezioni, il presidente di Atv. Massimo Bettarello traccia il punto della situazione:

“Va premesso che in questi primi giorni ci troviamo ad operare in uno scenario condizionato dalla variabilità e disomogeneità degli orari scolastici provvisori, con ingressi e soprattutto uscite da scuola in fasce orarie che non sono allineate con quelle del servizio programmato. Alcune corse risultano quindi eccessivamente affollate, in quanto non previste per sopportare i flussi “anomali” di studenti, a fronte di altre – appositamente programmate – che sono invece sottoutilizzate“.

Limite dell’80%

Bettarello ha proseguito:

“C’è poi il tema dell’impatto sul servizio del limite dell’80% posto all’utilizzo degli autobus dalla normativa di contenimento dell’emergenza sanitaria. Per avere un quadro preciso degli spostamenti dell’utenza e poter intervenire in modo mirato, fin da lunedì abbiamo quindi predisposto una rete di 50 operatori che rilevano i flussi di passeggeri ai nodi strategici della rete. Già da martedì abbiamo quindi potuto inserire i primi rinforzi dove sono emersi problemi di carichi al limite, cui ne sono seguiti ulteriori nella giornata di oggi, ed altri ne seguiranno domani. Credo quindi di poter dire che la situazione è sotto controllo. Certo, soprattutto in ambito extraurbano, all’interno della fascia oraria scolastica, notiamo picchi di utenza su singole corse mentre quelle precedenti sono quasi vuote. Faccio quindi un appello anche ai genitori affinchè invitino i ragazzi a distribuirsi in modo omogeneo sui bus disponibili, senza attendere l’ultimo”.

Non cambiano le vecchie abitudini

Da sempre si registra la problematica del momento in cui i ragazzi salgono sull’autobus per tornare a casa: una vera e propria calca per prendere “il posto migliore”. Bettarello ha affermato:

“Notiamo poi che alle fermate i ragazzi tendono ad accalcarsi per salire sul bus. Anche qui faccio appello ad una collaborazione intelligente da parte di ognuno – genitori, studenti, insegnanti – per evitare che tutti gli sforzi fatti per far viaggiare in sicurezza gli utenti a bordo dei mezzi vengano vanificati da questi assembramenti ingiustificati: ci tengo a rimarcare che abbiamo in strada 450 autobus, quindi il servizio c’è ed è sufficiente per tutti. Dove si sono presentati problemi, vale a dire in una decina di situazioni, siamo già intervenuti o stiamo intervenendo, per cui non c’è necessità di accalcarsi alle fermate. Questa indicazione sarà messa in evidenza anche nel ‘decalogo’ che a breve esporremo sugli autobus e che indicano i corretti comportamenti da seguire nell’utilizzo in sicurezza dei mezzi pubblici“.

Ulteriori rinforzi

Il direttore generale di ATV, Stefano Zaninelli ha proseguito:

“Riceviamo qualche segnalazione da parte di genitori preoccupati per il sovraffollamento ma dalle nostre rilevazioni emerge che, a parte pochissimi casi dove siamo già intervenuti, non viene mai superato il limite dell’80% della capacità degli autobus, nonostante la percezione magari possa far ritenere il contrario. In ogni caso abbiamo inserito consistenti rinforzi, in particolare nella fascia oraria di mezzogiorno, sulle linee urbane 23, 24 e 73 (sia alla mattina che in uscita dalle scuole), sulle linee 173 per Balconi, 121 e 130 tra Verona e Strà, 144 fino a Bovolone e 138 per Zevio, e anche su 103 per San Pietro in Cariano, SC410 per Affi, 159 per Mozzecane, 161 per Lugagnano, 162 per Bussolengo e da Garda per Bussolengo, 484 tra Castelletto e Garda, 226 per Monteforte-Roncà“.

Verrà monitorata la situazione

Zaninelli ha poi concluso:

Continueremo a monitorare la situazione di giorno in giorno, ma in realtà quello che ci preoccupa in questi primi giorni, è la situazione dei ritardi, causati dal traffico privato già molto intenso. In particolare sulle corse che entrano in città da sud registriamo ritardi pesanti, che in alcuni casi superano la mezz’ora, e temiamo che la situazione possa peggiorare nei prossimi giorni con l’arrivo del maltempo. Cercheremo anche di coordinarci con gli enti competenti per trovare possibili soluzioni, altrimenti rischiamo una ulteriore, forte penalizzazione del servizio di trasporto”.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità