Omaggio

Stadio Bentegodi, da ieri la tribuna stampa porta il nome di Roberto Puliero

Posizionata dove Roberto ha fatto per decenni le radiocronache dell’Hellas, la targa è stata scoperta dal sindaco, alla presenza dei fratelli Mario, Renzo e Francesco Puliero e della vedova Kety Mazzi.

Stadio Bentegodi, da ieri la tribuna stampa porta il nome di Roberto Puliero
Verona Città, 20 Settembre 2020 ore 10:01
Un modo per mantenere viva la memoria del più noto radiocronista sportivo della nostra città.

Omaggio

Da ieri, sabato 19 settembre 2020, la tribuna stampa dello stadio Bentegodi porta il nome di Roberto Puliero. Facendosi partecipe del grande cordoglio dei veronesi, il sindaco, Federico Sboarina, si era impegnato dal giorno della scomparsa a mantenere viva la memoria del più noto radiocronista sportivo della nostra città. Per questo, dopo la consegna alla famiglia, domenica scorsa durante il Premio Cangrande 2020, di uno speciale riconoscimento in ricordo di Roberto, ieri è stata ufficialmente affissa anche la targa a lui dedicata.
Stadio Bentegodi, da ieri la tribuna stampa porta il nome di Roberto Puliero

Proprio al suo posto

Posizionata dove Roberto Puliero ha fatto per decenni le radiocronache dell’Hellas Verona, la targa è stata scoperta dal sindaco, alla presenza dei fratelli Mario, Renzo e Francesco Puliero e della vedova Kety Mazzi. Presente anche il presidente della Provincia.
Stadio Bentegodi, da ieri la tribuna stampa porta il nome di Roberto Puliero

Il commento del sindaco

“Non poteva che essere questo il primo luogo simbolico dove ricordare Roberto Puliero – dichiara il sindaco –. Le sue incredibili ed inimitabili radiocronache hanno accompagnato più di una generazione, al punto che, oggi, è ancora difficile ascoltare una partita del Verona senza la sua voce. A sua memoria, con questa targa, simboleggiamo tutto l’affetto e l’amore di una città che non potrà mai dimenticarlo”.
LEGGI ANCHE:

Verona in lutto, è morto Roberto Puliero

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità