Verona

Trasporto pubblico: tolte 568 fermate su 1.102, La Paglia (PD): “No ai tagli sui servizi all’infanzia”

La Paglia: "L’amministrazione ha sforbiciato anche i collegamenti scolastici con Villa Are sulle Torricelle, scegliendo di limitare i trasporti ai bacini di utenza".

Trasporto pubblico: tolte 568 fermate su 1.102, La Paglia (PD): “No ai tagli sui servizi all’infanzia”
Verona Città, 22 Agosto 2020 ore 11:08

Il trasporto pubblico scolastico taglia metà delle linee che servono le scuole dell’infanzia e le scuole primarie.

Difficoltà economiche

Sono 568 su 1.102 le fermate dei bus che saranno depennate quando ripartirà la scuola. La motivazione è spiegata sul sito del Comune di Verona con le difficoltà economiche, logistiche e normative legate alle misure anti Covid, tagliare metà delle linee significa creare disagi enormi alle famiglie e agli studenti, oltre che portare a un aumento notevole del traffico veicolare. Elisa La Paglia, candidata alle elezioni regionali per il Pd ha affermato:

“I genitori che stanno effettuando le preiscrizioni al servizio di trasporto scolastico stanno riscontrando amare sorprese nei percorsi e orari dei pulmini. È stata ad esempio tagliata la linea che da Borgo Santa Croce porta gli studenti medi alle Caperle di Marzana. L’amministrazione ha sforbiciato anche i collegamenti scolastici con Villa Are sulle Torricelle, scegliendo di limitare i trasporti ai bacini di utenza, quindi il minimo previsto delle norme, non ciò che risponde alle esigenze della città. I dati sono sconfortanti. Citiamo i più significativi. Alle Colombare sono state tagliate 5 fermate alla scuola dell’infanzia e 3 al nido. Sempre nelle scuole dell’infanzia 19 fermate sono state eliminate a Villa Are e 6 a Fontana del Ferro. Tra le primarie, tra andata e ritorno, ben 49 fermate sono state tagliate alle Don Mercante, 44 alle Cesari, 43 a Palazzina, 38 alle Betteloni di Montorio, 37 alle Fracazzole, 34 alle Simoni di Madonna di Campagna, 23 all’Europa Unita di San Massimo, 20 alle Dorigo, 18 alle Pascoli, 15 alle Segala, 12 alle Solinas, 9 alle Pertini, 8 alle Salgari, 7 alle Rosani. Per quanto riguarda le scuole medie 24 fermate sono state tagliate a Palazzina, 19 alle King, 16 alle Caperle, 16 alle don Milani, 11 alle Salgari, 10 alle Fainelli, 7 alle Simeoni , 6 alle Giovanni XXIII, 6 alle Mazza”.

Quartieri senza servizio

I tagli sono rilevanti e gli studenti di parecchi quartieri saranno appiedati, La Paglia prosegue:

“Il Comune ha ragionato per bacini, quindi significa che rioni come San Felice Extra e San Michele saranno incredibilmente tagliati fuori. E se il Comune taglia la fermata di Piazza Zagata lasciando soltanto quella di Contrada Vendri, che dista un quarto d’ora di macchina, non solo creerà un disagio enorme ai genitori, che dovranno fare i salti mortali per conciliare le esigenze familiari con quelle lavorative, ma otterrà l’infelice risultato di contribuire ad aumentare il numero di macchine in circolazione su via Valpantena, già congestionata nelle ore di punta. Limitare l’uso dell’auto privata dovrebbe essere un obiettivo delle amministrazioni pubbliche, tanto più in tempi di Coronavirus e di limitazioni al trasporto pubblico. Ma anche adeguare i tragitti in base alle richieste dell’utenza dovrebbe diventare una priorità. Comprendiamo le difficoltà, ma non è corretto tagliare le linee: per le famiglie, per l’ambiente, per la mobilità”.

Accolte le richieste dei rappresentanti

Dal settore istruzione del Comune è arrivata comunque un’apertura: come richiesto dai rappresentanti dei genitori delle Caperle, verranno raccolte anche le richieste di fermate per ora non previste per valutarne eventualmente il ripristino. La Paglia conclude:

“Invito i genitori a presentare la richiesta di preadesione per il servizio di trasporto e di indicare la fermata dello scorso anno, al fine di rivalutare i percorsi in base alle richieste. Io ho chiesto un incontro urgente con il neo assessore all’Istruzione Daniela Maellare sui trasporti, ma non solo. Anche se i lavori del Consiglio comunale sono sospesi fino a settembre, è urgente per le famiglie sapere quali servizi dell’infanzia saranno attivi, se saranno confermati i servizi pomeridiani, come vengono oggi sostenute le scuole per il rientro in presenza a settembre e per reperire spazi adeguati”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità