Ultimo saluto a Elia Rizzotti, folla al funerale FOTO e VIDEO

Si sono svolti oggi, nalla chiesa di San Pietro di Lavagno, i funerali del bambino di 11 anni stroncato da un arresto cardiaco.

Est Veronese, 09 Febbraio 2019 ore 16:21

Oggi per tutta Lavagno non è stato un giorno come gli altri. Proprio questo pomeriggio, infatti, tutta la comunità ha voluto dare l’ultimo saluto al piccolo Elia Rizzotti, il bambino di appena 11 anni stroncato da un improvviso arresto cardiaco.

LEGGI ANCHE: Bambino di 11 anni muore per arresto cardiaco

L’arrivo della bara bianca

Una folla oceanica si è radunata alla chiesa di San Pietro di Lavagno. Nessuno ha voluto mancare a questo triste momento. Una volta arrivata la piccola bara bianca, dal piazzale, gremitissimo di persone, si è subito levata una fortissima carica emozionale. Sono volati palloncini bianchi e gialloblù, in ricordo della grande passione di Elia per l’Hellas Verona. E proprio la maglia di uno dei suoi idoli, Giampaolo Pazzini, con tutte le firme dei calciatori del Verona, ha accompagnato la salma al suo ingresso in chiesa.

Tantissime persone presenti

8 foto Sfoglia la gallery

Presenti, oltre a tantissimi cittadini di Lavagno che hanno accolto l’invito del sindaco a una massiccia partecipazione, anche molti tifosi dell’Hellas, amici di papà Thomas. Elia, infatti, era un “bocia” gialloblù, diventato in poco tempo la vera mascotte dei “butei” amici del papà al Bentegodi. Non potevano mancare, infine, i suoi compagni di squadra: Elia infatti giocava a calcio a Colognola ai Colli.

C’erano anche i dirigenti dell’Hellas

Presenti al funerale anche Francesco Barresi, direttore operativo dell’Hellas Verona, e Franco Bergamaschi, ex gloria e oggi ambasciatore del club, a testimoniare la vicinanza da parte della dirigenza gialloblù.

 

Don Pasetto: “Elia non avrebbe voluto vedervi tristi, lui amava la gioia”

A celebrare è stato Don Paolo Pasetto, della parrocchia di Marcellise, che ha ricordato l’undicenne con queste parole: “Elia non avrebbe mai voluto vedervi tristi, lui odiava la tristezza e invitava sempre alla gioia. Quello che è successo non si può spiegare, ma dobbiamo ricordare che Elia non è andato in panchina, continuerà a giocare”.

Palloncini in cielo

Alla fine della cerimonia, nel piazzale della chiesa, sono stati lanciati in cielo i palloncini e alcuni tifosi dell’Hellas Verona hanno intonato alcuni cori in ricordo di Elia.

Il coro dei “butei”

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei