Cronaca
Verona

Urla e "sosta selvaggia" fino a tarda notte: Ellis bar dovrà chiudere entro mezzanotte

A nulla è servita la diffida della Direzione Commercio e Attività Produttive del Comune che aveva chiesto ai gestori di attivarsi affinché i propri avventori tenessero un comportamento consono e rispettoso.

Urla e "sosta selvaggia" fino a tarda notte: Ellis bar dovrà chiudere entro mezzanotte
Cronaca Verona Città, 22 Ottobre 2021 ore 17:13

Orario ridotto per l’Ellis bar di Breccia San Giorgio.

Urla e "sosta selvaggia" fino a tarda notte

Per le prossime due settimane, tutti i venerdì e i sabati, l’attività dovrà chiudere entro la mezzanotte. È stata notificata ai gestori l’ordinanza del sindaco Federico Sboarina che limita l’apertura del locale, visto il reiterarsi di situazioni di disturbo alla quiete pubblica, divenute troppo frequenti nei weekend. Viene revocata così, per quindici giorni, la possibilità di tenere aperto fino alle 4 di notte.

A nulla è servita la diffida della Direzione Commercio e Attività Produttive del Comune che, lo scorso 6 ottobre 2021, aveva chiesto ai gestori di attivarsi affinché i propri avventori tenessero un comportamento consono e rispettoso. Obiettivo principale evitare qualsiasi turbativa dell’ordine e tutelare la vivibilità del quartiere. I proprietari non hanno preso nessuna misura per arginare il fenomeno, come accertato in un controllo del 9 ottobre 2021 e da segnalazioni del 12 ottobre 2021. E, come era stato preventivato ai titolari, è scattata quindi la restrizione.

Situazionee grave

Dalle verifiche effettuate dalla Polizia locale per tutta l’estate, all’esterno del locale i clienti rimanevano fino a tarda notte, urlando e rendendo difficile la convivenza con i residenti. E lasciando le auto in sosta in maniera indiscriminata. Una situazione grave quella registrata dagli agenti, anche in tarda notte. Uno dei controlli è scattato alle 3.24 di mattina, riscontrando evidente disturbo alla quiete pubblica, così come segnalato dai cittadini con chiamate al Comando di via del Pontiere e attraverso video pubblicati sui social network.

“La vivibilità di un quartiere non può essere pregiudicata da un’attività economica che dovrebbe, invece, essere un valore aggiunto – spiega il sindaco Federico Sboarina -. Abbiamo chiesto ai gestori del bar di attivarsi per risolvere il problema, avvisandoli che altrimenti sarebbero scattate altre misure, ma le segnalazioni dei cittadini non sono cessate. Siamo quindi intervenuti per garantire la tranquillità dei residenti e il rispetto delle regole, che devono valere per tutti”.

“Gli assembramenti notturni erano diventati ormai una consuetudine, e i nostri agenti, che hanno monitorato per qualche mese il locale, continuavano a registrare un ripetersi sistematico del disturbo alla quiete pubblica –aggiunge l’assessore alla Sicurezza Marco Padovani -. Situazioni inaccettabili che speriamo non si ripetano più. Continueremo, infatti, a monitorare la situazione”.