Velo Veronese in scena

Velo Veronese in scena. Sono ventiquattro gli eventi tra teatro, musica e cinema in programma.

Velo Veronese in scena
Valpolicella, 25 Giugno 2018 ore 09:02

Velo Veronese in scena. Sono ventiquattro gli eventi tra teatro, musica e cinema in programma.

L'evento sui monti Lessini

Da giugno a settembre a Velo Veronese, sui Monti Lessini veronesi, vanno in scena 24 eventi di teatro, musica e cinema organizzati dall’associazione culturale Le Falìe. I teatri, la piazza, le corti delle contrade, le grotte e i boschi sono i palcoscenici che ospitano “il paese in scena”: progetto artistico che in venticinque anni ha coinvolto più di 300 persone di un piccolo borgo che non conta nemmeno 800 abitanti. La direzione artistica è diAlessandro Anderloni. Il 24 luglio al debutto anche un nuovo spettacolo del regista veronese: Lùssia.

Velofestival, un cartellone ricco

Velo Veronese: un paese palcoscenico. Dal 1993, torna per il venticinquesimo anno il cartellone estivoVelofestival che trasforma il piccolo borgo dei Monti Lessini veronesi in una scena diffusa. Le Falìe (i “fiocchi di neve”) propongono un programma i cui ingredienti sono teatro, musica, laboratori e mostre. Un evento atteso, che annualmente richiama a Velo migliaia di spettatori e contribuisce a rendere unico questo borgo di nemmeno 800 abitanti. In venticinque anni più di 300 di loro hanno calcato le scene come attori e coristi, in più di mille eventi.

Lessinialibri

Il festival si aprirà, come tradizione, con l’appuntamento letterario Lessinialibri (23 giugno) in cui vengono presentate tutte le novità editoriali riguardanti la Lessinia e in particolare il Quaderno Culturale La Lessinia Ieri – Oggi – Domani, la storica pubblicazione giunta al suo quarantunesimo numero. Domenica 1° luglio al Museo Geopaleontologico di Camposilvano, torna la IV edizione della Giornata dell’uomo antico della Lessinia dedicata ad Attilio Benetti con artigiani che faranno provare le tecniche di scheggiatura della selce, la forgiatura del ferro, la lavorazione di oggetti di argilla, il tiro con l’arco preistorico e con i propulsori e le tecniche di tessitura su telai arcaici in legno; infine con visite alla mostra Dinosauri, coccodrilli preistorici e ammoniti della Lessinia.

Lussìa

L’appuntamento più atteso di questa edizione è il nuovo spettacolo de Le Falìe, il dodicesimo dal 1993 quando è iniziata questa esperienza teatrale originalissima che coinvolge tutto il paese nel raccontare sul palco la propria storia. Il nuovo testo, scritto e diretto come tutti gli altri da Alessandro Anderloni, fondatore e anima artistica de Le Falìe, si intitola Lùssia e debutta il 24 luglio per proseguire fino all’8 settembre. Racconta del 12 e del 13 dicembre in una casa di Velo a metà degli anni Sessanta: la trepidazione per l’arrivo di Santa Lucia che porta i doni a bambini è il pretesto per un ritratto familiare, nel tempo in cui la tradizione lascia posto a un irrefrenabile desiderio di modernità e quando l’arrivo del televisore cancella la tradizione del filò nelle stalle. In scena più di 15 attori e attrici dai 5 agli 80 anni. Un affresco di vita.

Silvano

Sessanta bambini e bambine di Velo saranno invece i protagonisti dello spettacolo musicale Silvano in scena il 30 e 31 luglio per raccontare e cantare la leggenda dell’arrivo dei Kimbri in Lessinia nell’Alto Medioevo. E ancora gli abitanti di Velo saranno protagonisti, questa volta con il coro polifonico La Falìa, il 15 luglio, con il concerto diretto da Alessandro Anderloni e presentato da Bepi De Marzi, uno degli ospiti fissi del Velofestival.

Altri spettacoli

Gli altri appuntamenti sono lo spettacolo Il bugiardo di Carlo Goldoni con la Compagnia dell’Orso (27 luglio), il concerto di Stefano Benini Thomas Sinigaglia nella Corte del Brigante (29 luglio) e quello dell’ensembleTerra Mater nel grandioso anfiteatro di roccia del Cóvolo di Camposilvano (5 agosto); l’esibizione del gruppo celtico Inisheer nel Bosco dell’Aunus (19 agosto). Per i bambini vanno in scena a Malga Vazzo i burattini di Maurizio Gioco con Arlecchino torna dalla guerra (11 agosto).

La mostra

Nella Sala dei Centomila, Le Falìe presentano quest’anno la mostra I giocattoli di Santa Lucia (dal 15 luglio al 19 agosto) con la collezione di Carmine Lino Battista: grammofoni giocattolo, lanterne magiche, cavallini a dondolo, macchine a pedali, tricicli, bambole, robot e macchinine di latta, marionette e burattini con la loro baracca, nonché i giocattoli “poveri” della nostra tradizione come biglie, cerchi, birilli e carrettini. Un viaggio nel tempo e nella memoria, alla riscoperta di quando tutti siamo stati bambini.

Il programma completo e tutte le informazioni su biglietti e prenotazioni sul sito www.lefalie.it. Programma in formato pdf: https://bit.ly/2JU560p