Cronaca
Cordoglio

Verona in lutto: è morto per Covid Haiek, medico di base che esercitava nel quartiere San Massimo

Amato da tutti i suoi pazienti, apprezzato per la sua onestà, dedizione e amore per il prossimo.

Verona in lutto: è morto per Covid Haiek, medico di base che esercitava nel quartiere San Massimo
Cronaca Verona Città, 15 Febbraio 2022 ore 16:55

Ha lottato contro il Covid all’ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar, per 40 giorni è rimasto intubato. Purtroppo il suo cuore non ha retto, il medico di base Edward Haiek è morto a 65 anni.

Verona in lutto: è morto per Covid Haiek

Amato da tutti i suoi pazienti e apprezzato per la sua bravura, il medico di base Edward Haiek aveva contratto il Covid verso metà dicembre. Aveva allarmato tutti con la sua assenza, tant’è che i pazienti non ricevendo più sue notizie avevano iniziato a chiedere di lui sui social. Purtroppo il quadro clinico di Haiek si è presto aggravato e il 23 dicembre 2021 era stato portato all’ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar, dov’era rimasto intubato in terapia intensiva per 40 giorni fino a quando, nella mattina di ieri lunedì 14 febbraio 2022, è morto.

Il medico di base Edward Haiek era stimato da tutti, vaccinato con terza dose e regolarmente iscritto all’ordine dei medici di Verona. Nato a Nazareth in Israele era arrivato a Verona nel 1979. Proprio nella città scaligera aveva conseguito la laurea in medicina con specializzazione in Ginecologia.

Cordoglio sui social

Il dottor Haiek esercitava anche il ruolo di medico vaccinatore nello studio della Croce Bianca e sui social non sono mancati i numerosi messaggi di cordoglio da parte dei suoi pazienti e di tutti coloro che hanno avuto la possibilità di conoscerlo:

“Riposa in pace grande medico e soprattutto persona speciale, grazie per quello che hai fatto per me... Hai svolto il tuo lavoro con grande passione e amore per il prossimo... Condoglianze alla famiglia, vi sono vicina in questo triste momento.... Riposa in pace dottore, ti ho voluto bene, grazie ancora di tutto, mi mancherai tantissimo”.

“Un dolce addio a chi, appena diplomata, mi ha preso sotto la sua ala guidandomi nella assistenza alla nascita... non scorderò mai quando andammo sul terrazzo con una signora con le prime contrazioni a vedere le stelle cadenti la notte di San Lorenzo....funzionò si rilassò, non so dove sei... se ci sei.... e cosa succede dopo l'ultimo respiro so solo che sono stata fortunata a incontrarti sul mio cammino. Buon viaggio Edward, un pensiero alla tua famiglia e ai tuoi figli”.

“Non ci posso credere!
Era una persona super speciale, buona, onesta e dedita al prossimo come pochi
R.I.P. grande Uomo”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter