Verona leader nel settore metalmeccanico

L'indagine di Confindustria vede il segno più per le attività scaligere

Verona leader nel settore metalmeccanico
Verona Città, 24 Giugno 2018 ore 11:55

Verona leader nel settore metalmeccanico in Veneto.

Indagine di Federmeccanica

I risultati dell’Indagine congiunturale di Federmeccanica sull’Industria Metalmeccanica italiana, vedono proseguire, nella prima parte dell’anno in corso, la fase espansiva dell’attività produttiva metalmeccanica, anche se si avvertono segnali di rallentamento diffusi all’intera area comunitaria. Nel primo trimestre del 2018, sulla base dei dati destagionalizzati di fonte ISTAT, l’attività produttiva metalmeccanica registra una flessione dello 0,4% rispetto al quarto trimestre del 2017 ma si evidenza, nel contempo, un progresso dei volumi realizzati pari al 4,4% nel confronto con l’analogo periodo dell’anno precedente.

Le imprese metalmeccaniche

Cresce l’attività relativa alla fabbricazione di Prodotti in metallo (+7,8%), quella di Macchine e apparecchi meccanici (+4,4%) e di altri mezzi di trasporto (+6,0%), in particolare navalmeccanica, aerospaziale e locomotive e materiale rotabile. Frena l’attività produttiva relativa alla costruzione di Autoveicoli (+0,5%) e flette la produzione di Computer, elettronica e strumenti di precisione (-1,6%).  A Verona le imprese metalmeccaniche occupano oltre 61.000 addetti e nel 2017 hanno generato un interscambio commerciale di oltre 13 miliardi di euro in crescita rispetto all’anno precedente di 28 punti percentuali. Una performance che pone la nostra provincia al primo posto in Veneto.

Un risultato positivo

Un risultato positivo che è il frutto di più fattori: il buon contesto economico in cui le imprese si trovano a competere. La nostra provincia registra una produzione industriale in crescita da 18 trimestri consecutivi. Un interscambio commerciale record che la colloca al 5° posto in Italia complice la posizione strategica che fa di Verona uno snodo primario per i traffici di merci.  Il piano Industria 4.0, inoltre ha spinto la produzione di macchinari per i quali vantiamo produzioni di alta qualità che si rispecchiamo in numerosi marchi noti a livello internazionale. Secondo una nostra recente indagine le imprese hanno in programma investimenti per circa 3 miliardi nel corso del 2018.

Le dichiarazioni del presidente della sezione metalmeccanica di Confindustria Verona

Il commento di Filippo Girardi, Presidente della Sezione metalmeccanica di Confindustria Verona: “In questo contesto, Confindustria Verona ha saputo affiancare con rapidità le imprese nelle loro nuove esigenze. Penso ad esempio ad Industria 4.0. Già ad Agosto del 2017 Confindustria Verona aveva fondato un Digital Innovation Hub, Speedhub, che da gennaio è completamente operativo come ha riconosciuto anche l’Unione Europea che l’ha inserito nel catalogo dei DIH europei come “Fully operational”. Un Digital che è in grado di affiancare le imprese in tutte le fasi relative alla trasformazione dei processi produttivi e la digitalizzazione. 

Il nostro settore si è dimostrato di spinta per l'intero comparto industriale, introducendo nel contratto nazionale molti elementi di forte rinnovamento, fra i quali il tema del welfare e 24 ore di formazione continua, come diritto soggettivo per ciascun dipendente, con lo scopo di attrezzare i lavoratori alle novità della quarta rivoluzione industriale.

Proprio per permettere alle imprese di soddisfare queste clausole la nostra associazione ha messo a disposizione WE150 una costola di WE, la nostra piattaforma per il welfare aziendale. WE150 prevede una selezione di interventi che non superano il valore di 150€, grazie alla quale anche le piccole imprese e i loro dipendenti possono accedere al welfare in modo snello ed efficiente senza i costi di avvio e gestione di strumenti complessi.  Mentre grazie a Metalmeccanica24 le aziende possono essere affiancate dalla nostra società di formazione Cim&Form nel realizzare per ciascun lavoratore a tempo indeterminato percorsi formativi della durata di 24 ore da svolgere nell’arco del triennio di vigenza del contratto (1° gennaio 2017- 31 dicembre 2019).

Ma a Verona ci siamo spinti oltre e sempre sul fronte delle Relazioni Industriali abbiamo raggiunto un'intesa con le locali Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil per la costituzione di una commissione territoriale per stimolare e monitorare l'attuazione delle previsioni del CCNL in tema di formazione continua.

Da questi risultati e da questi progetti non si può che vedere un settore innovativo e aperto. In questi anni il nostro comparto ha saputo reagire alla crisi e seppur ci siano state situazioni critiche il quadro che ne esce è di un settore in ripresa. Non possiamo però non nascondere una certa preoccupazione per la situazione internazionale e soprattutto per i dazi USA sulle importazioni di acciaio e alluminio.  Oltre alle ricadute dirette sulle nostre esportazioni e sulle imprese si teme in particolare una escalation della guerra commerciale che metterebbe in pericolo il principio fondamentale del libero mercato”.