Cronaca

Viaggio nella disoccupazione

I numeri di Mozzecane, Nogarole Rocca, Vigasio, Castel d’Azzano, Buttapietra e Isola della Scala

Viaggio nella disoccupazione
Cronaca 17 Settembre 2017 ore 19:49

I numeri di Mozzecane, Nogarole Rocca, Vigasio, Castel d’Azzano, Buttapietra e Isola della Scala

Dopo aver analizzato i numeri di Bussolengo, Sommacampagna, Sona, Valeggio, Villafranca e Povegliano, eccoci alle prese con i dati ufficiali del 2016, riferiti all’anno 2015, forniti da Istat ed elaborati da Urbistat che ce li ha gentilmente concessi; dati utili per avere una buona panoramica sul livello occupazionale nei 12 comuni coperti dal nostro giornale.

Così oggi tocca a Mozzecane, Nogarole Rocca, Vigasio, Castel d’Azzano, Buttapietra e Isola della Scala. I grafici affiancano i dati del singolo comune con il dato nazionale. E andiamo di «legende»: partendo da sinistra, per «Forze lavoro» si intendono gli occupati più le persone in cerca di occupazione, e rappresentano la popolazione attiva, operante sul mercato del lavoro. Le «Non forze lavoro» si distinguono invece in due sottogruppi, in base alla classe di età: in età non lavorativa, i bambini da 0 a 14 anni, e gli anziani con più di 70 anni non classificati fra gli occupati o le persone in cerca di occupazione.

Le «Non forze di lavoro» in età lavorativa sono invece le persone in età di 15-70 anni non classificate fra gli occupati o le persone in cerca di occupazione. Per quanto riguarda gli occupati, invece, sono le persone in età di 15 anni e oltre che hanno dichiarato di possedere un’occupazione, anche se nella settimana di riferimento non hanno svolto attività lavorativa per qualsiasi motivo o hanno indicato una condizione diversa da quella di occupato, ma hanno detto, ad una successiva domanda del questionario, di aver effettuato almeno un’ora di lavoro nella settimana di riferimento. I disoccupati comprendono le persone non occupate tra i 15 e i 74 anni che hanno effettuato almeno un’azione attiva di ricerca di lavoro nelle quattro settimane e sono disponibili a lavorare entro le due settimane successive oppure inizieranno un lavoro entro tre mesi dalla settimana di riferimento e sarebbero disponibili a lavorare entro le due settimane successive, qualora fosse possibile anticipare l’inizio del lavoro.

Il tasso di occupazione è il rapporto tra gli occupati e la corrispondente popolazione di riferimento, mentre il tasso didisoccupazione misura il livello delladisoccupazione e consente di operare confronti in proposito fra differenti aree territoriali o fra diversi «segmenti» di popolazione; è dato dal rapporto percentuale fra persone in cerca di occupazione e forze di lavoro.