Zaia inaugura la panchina rosa

Al Vinitaly è stata inaugurata la prima panchina rosa dell'imprenditrice brasiliana Jesusleny Gomes.

Zaia inaugura la panchina rosa
Garda, 16 Aprile 2018 ore 19:19

Zaia inaugura la panchina rosa. Al Vinitaly è stata inaugurata la prima panchina rosa dell'imprenditrice brasiliana Jesusleny Gomes.

Zaia e De Beni per la prima "pink bench"

panchina rosa
Verona. P&C Falegnemeria

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia e il sindaco di Bardolino Ivan De Beni hanno inaugurato a Vinitaly, in Fiera a Verona, nello stand della Regione Veneto, la panchina rosa contro la violenza sulle donne. Panchina che sarà posizionata nel cortile del Municipio di Bardolino. Un’iniziativa per commemorare tutte le vittime di femminicidio e informare e sensibilizzare i cittadini sul tema della violenza di genere. Una speciale panchina colorata di rosa, simbolo di femminilità, che sarà sempre lì a ricordarci il valore del rispetto e dell’uguaglianza, e al tempo stesso, il rifiuto di qualsiasi forma di violenza. Una forma particolare a ricordare la donna, per attirare l’attenzione del passante e distoglierlo per un attimo dai pensieri di tutti i giorni, favorendo uno spunto di riflessione. La panchina rosa contro la violenza sulle donne è stata  ideata da Jesusleny Gomes, imprenditrice brasiliana di nascita ma veneta d’adozione e protagonista di un lungo cammino a piedi attraverso i 574 comuni veneti. Il progetto “Pink Bench” collegato al suo viaggio “Su 2 piedi” è stato presentato dalla stessa Gomes alla presenza anche del presidente della Provincia Antonio Pastorello, dall’assessore regionale al turismo Federico Caner e dal sindaco di Verona Federico Sboarina che ha annunciato l’adesione del capoluogo scaligero a “Pink Bench- La panchina Rosa”.

La prima sarà a Bardolino, sul lago di Garda

“Questa panchina parte da Bardolino ma l’auspicio è che metta in rete tutti i comuni del Veneto, in modo da sensibilizzare su una piaga sociale come la violenza sulle donne” sottolinea De Beni. Aggiunge Zaia: “Un’iniziativa come questa vuole contribuire a mantenere sempre viva la sensibilizzazione sull’argomento, creando un luogo dove sedersi a riflettere e prendere la forza per imparare o insegnare la potenza del rispetto. Parte da Bardolino ma avrà sicuramente altre tappe”. Conclude Jesus Gomes: “Pink Bench dà parola a coloro che ogni giorno non riescono a urlare il proprio dolore. Questo progetto ha l’intento di dare più consapevolezza alle vittime di violenza fisica e psicologica. Sono onorata di farlo partire proprio dal Comune di Bardolino, ma spero di avere presto lo stesso onore nei 574 comuni del mio amato Veneto”.

I realizzatori

La  prima panchina rosa, realizzata dalla ditta “P&C Falegnameria” artigiani locali di Bardolino e dall’architetto Francesca Zumiani, è stata scoperta di fronte a una folla di visitatori e rimarrà all’esterno dello stand del Veneto, per essere poi sistemata nel territorio di Bardolino.

 

LEGGI ANCHE: THE PINK BENCH il debutto!