Per non annoiarsi

Cosa fare a Verona nel weekend del 23 e 24 maggio 2020

Appuntamenti ed eventi in questa ultima fase di lockdown... anche se solo in virtuale.

Cosa fare a Verona nel weekend del 23 e 24 maggio 2020
Verona Città, 22 Maggio 2020 ore 12:27

E chi lo dice che in tempo di lockdown non si possa fare qualcosa di divertente, piacevole e istruttivo? In questo primo weekend di fine quarantena (anche se ormai sembra lontano anni luce il regime duro, “da 41bis”, delle prime settimane) vi riproponiamo la nostra tradizionale rubrica “Cosa fare nel weekend”, anche se necessariamente sui concerti, gli spettacoli teatrali e i vernissage ai quali eravamo abituati dovremo metterci una pietra sopra ancora per un po’. Ma ormai è un fiorire di iniziative che permettono di fruire digitalmente di percorsi artistici, con la tecnologia si può arrivare ovunque e abbattere ogni barriera: per cui, perché non approfittarne?

Cosa fare a Verona nel weekend del 23 e 24 maggio

In periodo di emergenza sanitaria, con chiusura forzata di tutti gli spazi espositivi – permanenti e temporanei – e dei servizi al pubblico come biblioteche e archivi, anche il Settore Cultura del Comune di Verona, con i Musei Civici e il Sistema Bibliotecario, ha aderito all’invito del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, per portare l’arte e la cultura direttamente nelle case.

1.Musei Civici

Una bellissima occasione per poter conoscere da vicino i Musei Civici comodamente da casa. Grazie all’impegno del direttore dei Musei Civici di Verona e dei Conservatori delle collezioni, sono state realizzate mini pillole video per i canali social. Le prime riguardano il Museo di Storia Naturale e il Museo di Castelvecchio, e, compatibilmente con le limitazioni previste dall’attuale situazione, sono in programma altri appuntamenti virtuali alla mostra dedicata allo scultore, collezionista e mecenate Ugo Zannoni in allestimento alla Galleria d’Arte Moderna Achille Forti, che propone anche Doppio click in GAM. Non mancheranno gli altri siti e la descrizione delle 20 migliori opere presenti al Museo di Castelvecchio. Dove potete trovare il tutto?

Facebook

Instagram

Twitter

Potete visualizzare i video anche qui:

2.Conoscere la biblioteca e i suoi spazi

In queste settimane, durante le quali non avete potuto visitare fisicamente la biblioteca come d’abitudine, lei ha cercato di arrivare nelle vostre case non solo attraverso gli ebook ma anche grazie a contenuti digitali che vi permettessero di conoscere dettagli della biblioteca che magari non avevate mai avuto tempo e modo di scoprire prima. Da qui nasce anche la volontà di raccontare gli spazi attraverso dei brevi video, che si possono trovare sul canale YouTube.

3. Mostra su Pinocchio

La Biblioteca Civica di Verona ha organizzato la mostra “Pinocchio. Storia di un burattino attraverso la collezione Fusari, a cura di Andrea Fusari, Anna Malgarise, Giovanni Piccirilli e Francesca Arduini, che avrebbe dovuto svolgersi con il patrocinio della Fondazione Nazionale Carlo Collodi dal 17 febbraio al 28 marzo 2020, con un articolato programma di eventi dedicati a Pinocchio e alla fortuna editoriale dell’opera di Carlo Collodi. Gli spazi della Protomoteca e della Sezione Veronensia sono stati allestiti con materiali provenienti dalla Collezione Fusari: una raccolta di 150 edizioni storiche, da quella del 1887 di Felice Paggi illustrata da E. Mazzanti, alle edizioni Bemporad illustrate da C. Chiostri, A. Bongini e A. Mussino, alle edizioni Salani dagli anni ’20 agli anni ’60, alle edizioni Marzocco, Paravia, De Agostini, Vallardi e Vallecchi, collezionate con sapiente passione dal mastro legatore Andrea Fusari di Bovolone. È stata esposta anche l’edizione a tiratura limitata, premiata dalla Fondazione Carlo Collodi, edita da Legatoria Fusari e illustrata da S. Bellani. Alla Collezione Fusari sono state affiancate le edizioni contemporanee patrimonio della Biblioteca Civica, valorizzate in un percorso espositivo in Biblioteca Ragazzi e a disposizione per la lettura e la consultazione. Vuoi immergerti nella mostra? Non devi far altro che visionare questa pagina.

4. La guida galattica per bambini

In tempo di difficoltà le sinergie aumentano e si creano dei nuovi ponti e nuovi legami. La voglia di trasmettere un messaggio, di dare supporto soprattutto ai più piccoli. Succede quindi che i quattro Musei dei Bambini italiani che sono rispettivamente il Children’s Museum di Verona, l’Explora il Museo dei Bambini di Roma, il MUBA – Museo dei Bambini Milano e La città dei bambini e dei ragazzi di Genova hanno deciso di fare rete e promuovere una guida (galattica) per bambini, bambine e genitori per far capire loro che cosa stia succedendo in questo momento. Guida galattica al coronavirus per bambine e bambini curiosi a cura dei musei italiani per bambini Children’s Museum Verona, Explora di Roma, La Città Dei Bambini di Genova e MUBA di Milano, si può vedere nella versione in italiano e in moltissime altre lingue.

5. Visitare e conoscere Verona a 360 gradi

Si chiama Verona360 ed è il tour virtuale interattivo che permette di immergersi nella bellezza, nella storia e nella cultura della città. Il tour, che unisce realtà virtuale ed esperienza immersiva, mostra Verona come mai è stata vista prima grazie alle sue foto a 360°. Gratuito, accessibile da qualsiasi computer, tablet o smartphone, multilingue, Verona360 offre la possibilità di passeggiare per la città, seguendo percorsi tematici o creando il proprio itinerario, e di scoprirla attraverso testi, informazioni storiche e video. Il tour virtuale interattivo a 360° è visitabile sul sito , alla fine della pagina, è presente il pulsante: INIZIA per dare il via al tour.

Altri appuntamenti imperdibili

Ma non c’è solo Verona… Stando ancora in semi-quarantena, con la fantasia (ma soprattutto grazie a Internet) possiamo permetterci di spaziare praticamente ovunque. Dove? Le possibilità sono davvero tantissime, nella nostra bellissima Italia, ma non solo.

Viaggio a Pompei

Perché non concedersi una viaggio (seppure virtuale) a Pompei? Grazie ai profili social ufficiali, è possibile quotidianamente visitare e ammirare le bellezze di Pompei  e seguire i lavori di restauro e manutenzione. Il sito web del Gran Palais di Parigi permette di vedere in anteprima, il video della futura mostra “Pompéi” che ha in programma. Ecco una pillola di ciò che potrete trovare nel sito.

Goditi Tiziano e Caravaggio

L’Accademia Carrara di Bergamo, con i progetti #vistadacasa e #museichiusimuseiaperti, racconta sul sito web e sui social, approfondimenti dedicati alla mostra “Tiziano e Caravaggio in Peterzano” e  alle collezioni permanenti del museo.

Goditi Tiziano e Caravaggio

L’Accademia Carrara di Bergamo, con i progetti #vistadacasa e #museichiusimuseiaperti, racconta sul sito web e sui social, approfondimenti dedicati alla mostra “Tiziano e Caravaggio in Peterzano” e  alle collezioni permanenti del museo.

Mudec: arte social

Anche il Mudec (Museo delle Culture) di Milano non si ferma e all’insegna di #MudecDelivery/L’arte a casa tua viene a domicilio nelle nostre abitazioni con un’infinità di contenuti speciali. Tramite i canali social la Collezione Permanente viene illustrata con videoclip, card animate, post divertenti, videointerviste e anteprime.

Scoprire Ercolano

Parco Archeologico Ercolano: attraverso i social andremo alla scoperta dell’antica Ercolano. Ogni mercoledì nuovi contributi metteranno in evidenza i valori culturali di un sito archeologico unico al mondo e patrimonio dell’umanità.

Il Palazzo d’Inverno e l’Hermitage

Il Palazzo d’Inverno di San Pietroburgo, maestosa residenza invernale dello zar, spalanca le sue porte all’Italia. Il video in lingua italiana, ci permette di visitare le sale più importanti e significative dell’Hermitage.

Il Palazzo d’Inverno e l’Hermitage

Il Palazzo d’Inverno di San Pietroburgo, maestosa residenza invernale dello zar, spalanca le sue porte all’Italia. Il video in lingua italiana, ci permette di visitare le sale più importanti e significative dell’Hermitage.

Tante iniziative online dalla Pinacoteca di Brera

Anche la pinacoteca di Brera si oppone al Coronavirus: oltre alle collezioni online, permette di ammirare centinaia di opere con foto ad altissima risoluzione. C’è inoltre un’iniziativa interessante e nuova: chi vuole conoscere la storia di un quadro o scoprire il lato ‘nascosto’ del museo, può guardare i video dal titolo “appunti per una resistenza culturale”, che dimostrano come combattere insieme permette di vincere.

Il Prado e il Louvre

Due fra le istituzioni museali più famose e iconiche del pianeta aprono le porte. E’ possibile effettuare un tour virtuale al Museo del Prado di Madrid una delle pinacoteche più importanti del mondo per visitare opere dei maggiori artisti italiani, spagnoli e fiamminghi, fra cui Beato Angelico, Andrea Mantegna, Raffaello Sanzio. Chiudiamo con la ciliegina sulla torta: una visita virtuale nelle sale espositive e le gallerie del Louvre, che ospita oltre 380.000 oggetti e opere d’arte.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei