Cultura
Verona

Elina Garanča debutta al 99esimo Arena di Verona Opera Festival 2022

Elina Garanča debutta all’Arena di Verona, il più grande teatro d’Opera al mondo.

Elina Garanča debutta al 99esimo Arena di Verona Opera Festival 2022
Cultura Verona Città, 23 Marzo 2022 ore 16:16

L’annuncio da Madrid con Cecilia Gasdia.

Elina Garanča debutta al 99esimo Arena di Verona Opera Festival 2022

Il richiestissimo mezzosoprano lettone, già definita “la miglior Carmen degli ultimi 25 anni”, debutta sul più grande palcoscenico sotto le stelle, nel leggendario anfiteatro veronese. Per due eccezionali serate sarà protagonista dell’opera di Bizet nella ricostruzione filologica della monumentale Carmen voluta da Franco Zeffirelli che aprirà il 99° Arena di Verona Opera Festival.

In quello che è il Festival d’opera all’aperto più antico e celebre, per
l’edizione numero 99 il nome illustre di Elina Garanča si aggiunge all’importante lista di artisti di assoluto prestigio che qui hanno incontrato decine di migliaia di spettatori, da Gigli, Tebaldi, Del Monaco, Callas (che qui fece il suo trionfale esordio internazionale) a Pavarotti, fino alle grandi stelle di oggi, come Kaufmann, Netrebko, Yoncheva, Álvarez, Alagna, Grigolo, fra i molti più recenti.

Unico grande anfiteatro romano perfettamente conservato

L’Arena di Verona è di certo uno dei monumenti iconici d’Italia ed è anche
l’unico grande anfiteatro romano perfettamente conservato ad aver mantenuto in duemila anni di storia una costante attività di intrattenimento per la città e l’Europa, avendo ospitato première goldoniane, rossiniane,
spettacoli d’ogni tipo seguendo il cambiamento delle mode nei secoli, fino a quando nel 1913 divenne palcoscenico d’opera con la sua prima Aida, con il preciso scopo di rendere accessibile l’opera a tutti: un grandioso spettacolo musicale e una forma d’arte fra le più ricche e complesse sono diventati una tradizione meravigliosa e una combinazione magica per un vasto pubblico internazionale. Da allora il fascino naturale del luogo, la sua acustica naturale privilegiata e l’enormità degli spazi hanno sfidato la creatività di grandi registi e scenografi di fama internazionale quali de Ana, Maestrini, Vick, de Bosio, Jean Vilar, Pomodoro, Ronconi, Berrocal, Pizzi, Svoboda, Montaldo o il collettivo teatrale La Fura dels Baus, ma di certo il più grande interprete di questa architettura iconica è stato Franco Zeffirelli, regista e scenografo immortale che, con le sue 7 nuove produzioni operistiche (dopo Carmen, Il Trovatore, Aida, Madama Butterfly, Turandot, Don Giovanni, La Traviata) per un totale di 405 recite in 25 anni di collaborazione, è davvero divenuto simbolo della magnificenza e del fascino dell’Opera fra le bimillenarie pietre areniane.

Finalmente per il 99° Opera Festival, dopo due anni pandemici che hanno sospeso i tradizionali allestimenti areniani, si potrà tornare all’autentica cifra stilistica dell’Arena di Verona e alla sua monumentalità unica e nobile. Questo ritorno parte proprio con Carmen di Bizet secondo la visione di Franco Zeffirelli, suo storico debutto nell’anfiteatro e uno degli allestimenti più complessi e incisivi di sempre nel ridisegnare un palcoscenico di ben 44 metri di ampiezza e che in altezza non ha limiti, se non la cornice della luna e delle notti stellate.

Carmen, protagonista della novella omonima di Mérimée immortalata dalla musica di Bizet, avrà la voce e il volto di Elina Garanča nelle recite di giovedì 11 e domenica 14 agosto, seguendo la tradizione areniana per cui ogni rappresentazione è a tutti gli effetti una vera e propria prima: non essendoci abbonati né turni, ma un affezionato pubblico internazionale abituato, soprattutto negli ultimi anni come nelle decadi d’oro, ad ascoltare sempre le voci più brillanti del mondo in uno spazio unico e di fortissimo impatto visivo. Il mezzosoprano lettone, già di casa nei teatri e nelle terre di Spagna, è fra le artiste più richieste al mondo e vanta un eclettico repertorio, dal Belcanto a Wagner, con successo di pubblico e critica e un’esclusiva discografica. Elina Garanča è artista di riferimento anche nell’opera francese, da Berlioz a Saint-Saëns, ed è particolarmente acclamata proprio per la sua Carmen, interpretata nei teatri più importanti, da Londra a Monaco, da Valencia a New York.

Stagione di ritorno ai maestosi allestimenti areniani

In occasione della produzione alla Metropolitan Opera, trasmessa in più di mille sale cinematografiche nel mondo e uno degli spettacoli Live in HD di maggiore successo del Met, il NY Times l'ha definita "la migliore Carmen degli ultimi 25 anni2. Finalmente affronterà questo ruolo sul grande palcoscenico dove Carmen è l’opera più amata e rappresentata dal 1914, seconda solo all’Aida verdiana, e lo farà nel migliore riallestimento possibile, storicamente accurato e tecnologicamente aggiornato, della visione zeffirelliana.

"Siamo raggianti del tanto atteso debutto di Elina Garanča in Arena per Carmen secondo Zeffirelli: – dichiara Cecilia Gasdia, Sovrintendente e Direttore Artistico della Fondazione Arena di Verona – è un’artista meravigliosa con la quale è subito nata una splendida sintonia che renderà le sue Carmen d’agosto due serate uniche e imperdibili, come è nello spirito dell’Arena di Verona. Questo incontro a Madrid, inoltre, ci ha offerto l’occasione di raccontare la nostra risoluta, costante ed instancabile passione per l’opera in Arena direttamente al pubblico spagnolo, che confidiamo verrà a condividere questa prima, grande stagione di ritorno ai maestosi allestimenti areniani, dopo due edizioni particolari create in risposta alla pandemia".

"Calcare per la prima volta questo palcoscenico mi rende davvero
felicissima, – aggiunge Elina Garanča – oggi ho capito in quale meravigliosa grande famiglia entrerò grazie a quella che considero una delle mie ultime Carmen, se non proprio l'ultima. Ruolo amatissimo che mi ha dato grandi soddisfazioni, e ora questo bel regalo con l’Arena di Verona, ma credo che, quando si superano le 50 recite di un ruolo, sia bene sfidarsi con un nuovo repertorio. Anche il tempo cambia l’interpretazione e alle passioni brucianti subentra una maggiore consapevolezza. Sono anche onorata di chiudere questo percorso nei panni del personaggio più iconico di Spagna, mia seconda casa, nella bellissima e complessa visione di Zeffirelli, di cui ho sempre avuto grande stima. La conoscenza della sua cifra stilistica, che oggi il team areniano mi ha raccontato con precisione e passione, mi dà una motivazione ancor più forte per questo appuntamento".

Per il 99° Arena di Verona Opera Festival, l’allestimento di Franco Zeffirelli in Arena, arricchito dai costumi di Anna Anni, viene ricostruito con attenzione filologica basandosi sul ricco archivio di bozzetti, foto e video dell’Arena di Verona, nonché sulla consolidata esperienza maturata in decenni al fianco del Maestro nel suo lavoro registico da Stefano Trespidi, vicedirettore artistico della Fondazione Arena di Verona. Carmen è il titolo inaugurale del 99° Arena di Verona Opera Festival 2022 e va in scena per 9 serate dal 17 giugno al 27 agosto. Presto saranno svelate al pubblico le molte sorprese e novità nell’attesissimo cast delle 46 serate complessive del Festival.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter